domenica 25 ottobre 2015

Attenzione ad Halloween! Il Natale Satanico...




Sebirblu, 24 ottobre 2015

Da qualche anno ormai è cominciata ad imperversare, anche in casa nostra, la discutibilissima  "moda"  di Halloween,  che  si  festeggerà  tra  qualche  giorno.

Perciò, ho sentito il dovere di tradurre questo articolo affinché si sappia come le forze oscure non si arrestino mai dall'insidiare continuamente il genere umano.

Per chi fosse interessato ad un approfondimento maggiore sull'Origine e le astuzie del Male, importantissimo leggere QUI e QUI, e documentarsi aneddoticamente su Halloween,  QUI.

Halloween: il Natale Satanico

La Bibbia Satanica indica Halloween come una delle due più importanti feste del suo calendario, cosa che può spiegare il motivo per cui viene così reclamizzata come apoteosi del «divertimento».

Dietro l'apparenza giocosa, infatti, Halloween celebra la perversione, che ne è il vero significato occulto. È un "indottrinamento blasfemo al paganesimo druidico, alla stregoneria e al satanismo".




Sono stato iniziato ad Halloween nel 1959. Avevo quattro anni. Mia nonna mi permise di scegliere un costume al "Five and Dime". Andai deciso verso una maschera in lattice da diavolo rosso comprendente anche un lucido mantello scarlatto di rayon.

Quando lo indossai, mi sentii trasformato in qualcosa di più potente dei miei quattro anni di età. Dopo la notte di Halloween, la nonna me lo portò via perché continuavo a metterlo. I vicini cominciavano a parlare.

Anni più tardi, in un corso di antropologia, ho appreso che maschere, canti e balli vengono usati per evocare gli spiriti.

"La persona che porta la maschera si sente mutata al suo interno e assume temporaneamente le qualità del dio o demone rappresentato dal travestimento". (Biedermann, Hans. Dizionario del Simbolismo, pag. 218).

Ora sono stanco di Halloween. Sono diventato sensibile a come gli americani seguono con disinvoltura la sequela di ammazzamenti, chiamati «notizie», in cui scene violente di sangue e cadaveri si alternano quotidianamente alla commedia, sugli schermi TV ad alta definizione.

Ora sento raccapriccio quando dei teschi di gomma compaiono sui prati e nei supermercati vicini e li guardo come se fossero stati ingaggiati dal regista del film "Killing Fields" ("Le Urla del Silenzio" - ndt).

Ma non preoccupatevi. Anche se teschi e zombie in decomposizione non vi sconvolgono, Halloween è diventata anche un emblema di perversione sessuale! Basta osservare come si distribuiscono caramelle alle bambine abbigliate come Lady Gaga e ai ragazzini vestiti in calzamaglia elastica.

Sono rimasto sbalordito dal fatto che quest'anno, ad un party pre-Halloween nel mio quartiere, i costumi dei bambini fossero stati tutti dedicati al sesso opposto: ragazzine vestite in pelle da motociclista, di cui una in divisa da soldato, e i maschietti fasciati in provocanti collant con il pretesto di rappresentare dei "super-eroi".

Una giovanetta interpretava un giudice della Corte Suprema in tunica nera e cravatta, un'altra era agghindata da suffragetta mentre mostrava uno striscione con la scritta: "Diritto di voto alle donne".

Un ragazzino indossava un'aderente tuta elastica ed una parrucca dai lunghi capelli rosa acceso... Non ho idea di chi potesse essere... ma era il costume omosessuale più maledetto che abbia mai visto su un fanciullo normale.

La parte spaventosa è che abbiamo raggiunto il punto in cui i genitori non conoscono davvero di meglio che vestire i loro figli come gay e le ragazze come prostitute, o lesbiche.




I cerimoniali di Halloween vanno dal 28 al 31 ottobre per inoltrarsi anche nel giorno di Ognissanti, e prevedono sacrifici umani ed orge di tutti i tipi.

La seconda festa della Bibbia Satanica, altrettanto "sacra", corrisponde al 1° maggio, data della fondazione ateo-comunista. Anche questa, viene "onorata" con i più orrendi rituali.

Dati inerenti all'Epoca Romana

La nonna mi ha spiegato che Halloween fa parte del nostro patrimonio di famiglia. Era l'antichissima festa del raccolto, chiamata Samhain (si pronuncia "sah-win") proveniente dalla religione druidica, e mi ha mostrato una foto di Stonehenge in una vecchia enciclopedia.

Giulio Cesare ha parlato di questa ricorrenza nel «De Bello Gallico». Ha descritto quella dei Drùidi come una sorta di teocrazia che schiavizzava la popolazione contadina  attraverso  il  terrore.

La celebrazione gioiosa delle messi era associata a sacrifici umani di massa, quando migliaia di uomini, donne e bambini venivano bruciati vivi nelle gigantesche strutture «Wicker Man».




Anche Strabone, lo storico romano del primo secolo, ha lasciato scritto nel suo famoso testo "Geografia":

"I Romani hanno posto fine a queste tradizioni, entrambe connesse con sacrifici e divinazioni, perché erano in conflitto con le nostre consuetudini personali."

Così furono i Romani ‒ non i cristiani ‒ ad infrangere la teocrazia druidica. Qualche secolo dopo la scomparsa dei Drùidi, l'impero romano è crollato ed è stato sostituito dalla Chiesa di Roma che, a sua volta, ha cristianizzato la maggior parte delle festività.

La credenza che nelle notti del "Samhain" vagassero gli spiriti dei defunti e dei demoni, divenne la festa di "Tutti i Santi".

I sacerdoti drùidi di un tempo, travestiti e camuffati, sono stati sostituiti da contadini in maschere e costumi.

Invece di esigere un membro della famiglia per ottenere la protezione magica dagli spiriti, il visitatore cristianizzato ha iniziato a domandare del cibo in cambio di una preghiera per i membri defunti della famiglia.

Ma la festa di Ognissanti non ha assolutamente nulla a che vedere con qualsiasi passo della Bibbia.

Per quasi duemila anni sono stati vietati i barbari rituali druidici. Forse può sorprendervi che gli antichi sacrifici di massa gallici furono ripresi dagli Illuminati durante la rivoluzione francese.

Fiumi di sangue cristiano inondarono i canali di Parigi. Robespierre stesso ha presieduto alla "Festa dell'Essere Supremo" ‒ l'8 giugno 1794, in mezzo a dieci mesi continuati di sacrifici umani.

Sedici monache carmelitane di Compiègne furono ghigliottinate il 17 luglio 1794 per il reato di rifiuto a togliersi l'abito e a rinunciare ai voti. Da allora i funesti riti magici sono stati inesorabilmente riesumati sotto diverse coperture.




Il Tempo Presente

Ci sono più maschere ad Halloween che cambiamenti di vestiti. Le persone che le indossano si sentono trasformate in sé stesse e assumono temporaneamente le qualità della divinità o del demone che rappresentano.

"È l'occasione per manifestare i propri desideri o fantasie... Halloween è senza dubbio una notte di trasgressione."

(Halloween, di Rogers Nicholas: «Dal Rito pagano al Party notturno» ‒ pag. 137).

"L'identità può essere rigettata impunemente. Uomini abbigliati come donne, e viceversa. L'Autorità può essere derisa e raggirata".

(Skal, David J. «La Morte si prende una Vacanza: Storia della cultura di Halloween» pag. 17).

Dopo l'Halloween del 1974, ho visto parecchi casi di sdoppiamento della personalità alla «Dr. Jekyll e Mr. Hyde», durante queste feste.

Nel «Pagan Book of Halloween» di Wiccan Gerina, a pag 23, Dunwich ammette:

"Certi dicono che Halloween fa emergere il lato malvagio della natura umana, in alcuni individui. Il numero esorbitante di atti vandalici, commessi ogni anno in tale ricorrenza, sembra essere sicuramente a sostegno di questa tesi."

Esiste pure un picco statistico di stupri associati ai party in costume, soprattutto se vi sono coinvolti degli stupefacenti.

La Notte dedicata al Diavolo è un'ondata di criminalità, di violenza e di vandalismo Halloween.

La più famosa e distruttiva è stata quella «Infernale» a Detroit in Michigan, negli anni '90, quando si è oltrepassata la linea con finestre fracassate, incendi dolosi, gravi e diffusi, sparatorie e omicidi.

(Non dimentichiamo anche quella avvenuta in casa nostra, a Perugia, con l'assassinio di Meredeth Kercher e il coinvolgimento di Amanda Knox e Raffaele Sollecito; ndt).




Nel caso in cui i lettori si stiano chiedendo se non ci sia mai stato un collegamento tra Halloween e gli ebrei, ebbene, le loro scuole religiose mettono in guardia i genitori contro l'adesione alla festa di Halloween con i «dolcetti o scherzetti», perché "l'osservanza a questa tradizione è pagana e quindi distruttiva per il processo educativo ebraico". [1]

Ovviamente, essa è devastante anche per il percorso formativo cristiano ‒ ma purtroppo, vedo ogni anno la maggior parte delle chiese e i loro istituti tenere allegri festeggiamenti per l'occasione.

La vacanza di Satana è riuscita ad ingraziarsi la tolleranza delle chiese per sferrare un colpo al Cristianesimo.

Conclusione

Halloween è stata progettata come struttura di base per l'auto-iniziazione al modo luciferino di pensare.

Perché, altrimenti, quando un minimo frammento d'occulto si affaccia alla vita moderna, le immagini di Halloween e la propensione alla lussuria e alla morte divengono il pilastro dell'industria del divertimento?

Notate quanto Halloween, dal momento che prolifera dal 1966, abbia incrementato l'ossessione e lo «stravolgimento» del sesso perverso, l'interesse e l'ammirazione dei serial killer e degli psicotici!

Se le scuole di culto ebraico avvertono i genitori che la celebrazione di Halloween è pagana e quindi distruttiva per il loro percorso educativo (che dovrebbe valere anche per i genitori cristiani e musulmani), vuol dire che si tratta di un indottrinamento religioso e formativo al paganesimo drùido, alla stregoneria e al satanismo.

[1] Il Purim non è un Halloween ebraico.

Richard Evans, per il sito di Henry Makow


Ecco la Stoltizia del Mondo!!!



Nessun commento:

Posta un commento