giovedì 31 agosto 2017

Adatto solo per i Fervidi Amanti delle Altezze




Sebirblu, 31 agosto 2017

Proprio come ho espresso nel titolo, il testo che segue è indirizzato soltanto a coloro che con tutto il cuore e in assoluta purezza d'animo sono alla ricerca di risposte e di Conoscenza vera.

Tra questi, c'è un giovane che mi scrive ‒ Alessandro L. ‒ chiedendomi chiarimenti sulla differenza tra  la Chiesa di Pietro e quella di Giovanni e in questo articolo, caro figliolo, lei troverà una risposta. La invito a scrivermi e a farmi sapere cosa ne pensa dopo un sua riflessione. Grazie di cuore.

Purtroppo, i tempi che stiamo vivendo non aiutano di certo la presa di coscienza, né ci si può aspettare che le indicazioni arrivino dalle cattedre giuste.

I falsi richiami si moltiplicano nel mondo come specchietti per le allodole e l'umanità intera ha perso l'orientamento senza sapere dove andare.

Solo lo Spirito potrebbe salvarla da naufragio sicuro, ma la sua Voce non viene udita, soffocata dagli allettamenti delle sirene e dal fragore della tempesta.




Eppure al "Porto" bisogna ritornare! E quando tutto sembra perduto... ecco che dai cieli  oscuri  arriva  un  raggio  provvidenziale  che  raggiunge  le  anime  in  pericolo.

Persino  la barca di Pietro  è  alla deriva!  Questo  antico  punto  di  riferimento  che  le folle per millenni hanno seguito, si è tramutato in scoglio minaccioso che insidia maggiormente  il  loro navigare.

Ma tutto ciò era scritto... e lo Spirito soffia dove vuole...




...e la Nuova Chiesa avanza...

"E Gesù allora, vedendo la madre sua e accanto a lei il discepolo prediletto, disse alla madre: «Donna, ecco tuo figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!». E da quel momento il discepolo la prese con sé." (Gv. 19,26)

Questa è la seconda espressione (di sette) pronunciata dal Cristo sulla Croce e determinante per iniziare  a  spiegare  quello che oggi  sta  succedendo  nella  Chiesa di Roma.

Ebbene, ad una prima analisi, risulta molto strano il modo usato da Gesù per rivolgersi a sua madre: «Donna, ecco tuo figlio!» e sembra addirittura irrispettoso, ma i giudizi affrettati spesso ingannano perché il valore sostanziale è altissimo.

Emerge  infatti  con  estrema  chiarezza  il  rapporto esistente  fra  Divinità e Creatura, non tra Figlio e Madre, esattamente come avvenne al Tempio quando, da pargolo, Gesù insegnava ai Dottori della Legge e apostrofò alla stessa maniera sua Madre, sopraggiunta trafelata con Giuseppe perché lo stavano cercando.


James Seward

Sono proprio questi aspetti, che non vengono considerati, a sollevare i veli su una centralità sconosciuta e talvolta anche negata dagli stolti, che viene però scoperta solo dai semplici, dagli insignificanti, da coloro che il mondo ignora...

"Ti ringrazio Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai grandi e ai sapienti e le hai fatte conoscere ai piccoli." (Mt. 11,25)

Nell'ora  attuale,  le questioni religiose,  ancora presentate col linguaggio  prestabilito e la forma mentale ereditata da secoli di tradizioni rigide e dormienti, vengono semplicemente  accantonate  fuori  dalla  vita.

Ma Cristo resta vivo nel mondo, e l'attuale sistema di liquidarlo senza farlo conoscere in profondità alle masse è il tentativo estremo di una Chiesa in disfacimento ormai preda del Maligno che, sfidandolo, vuole trascinare con sé il maggior numero possibile di "fedeli".

Il pericolo è grande, se persino il conduttore di una Radio Mariana diffusa in tutto il mondo si "arrampica sui vetri" pur di assecondare questo pontificato e i suoi compromessi con il mondo!

E lo stesso vale per il Predicatore ufficiale della Santa Sede quando asserisce, per compiacere le altre correnti religiose, che il culto dato a Maria è "talvolta esagerato e sconsiderato"!


Il Tradimento di Giuda di Sir Anthony Van Dyck  (1599 - 1641)

Dice Pietro Ubaldi di avere "la sensazione d'essere come un novello Diogene che va per il mondo con la lanterna, tra i Cristiani, cercando chi segue il Cristo."

(Per sapere chi è il personaggio, QUI e QUI.  Ma il suo nome è pure sulle etichette). 

E aggiunge:

"I superficiali si offenderanno di questo linguaggio che disturba gli accomodamenti, ma i più maturi sentiranno dietro la critica l'ansia di una rivalorizzazione del Cristianesimo in un momento di crisi in cui è necessario ma difficile correre, perché si è gravati da tante ormai insopportabili sovrastrutture medioevali.

Oggi il gregge è diverso. Il mondo si è messo a pensare e vuole capire. La fede non serve per questo, anzi la si usa per proibire l'approfondimento cristico come se ciò fosse una colpa. Allora si fa di tutto un fascio: fede, religione, misteri, perché in questo momento l'incomprensibile non serve alla vita che ha di fronte altri problemi da risolvere.

E visto che le masse, assecondate dalla Chiesa, si sono adattate ad una religione comoda e non sono disposte a rinunciarvi, l'autorità si è abituata a comandare e i fedeli a ridurre al minimo il lavoro interiore, evitando la fatica di riflettere.

Così ciascuno soddisfa il suo desiderio ed è tutt'altro che disposto a cambiare e a fare sacrifici per prendere la spiritualità sul serio.

Una consapevolezza vera, con un Dio presente sempre ed implicante una continua condotta ad Esso relativa, è un peso che non si accetta più e col tempo è diventato addirittura un modo incomprensibile di concepire l'esistenza.

Di fronte ad una Conoscenza sostanziale la massa dei cristiani si è accomodata in un materialismo religioso che in pratica vale quanto essere atei.

Il culto è diventato ambientalismo, politica dell'accoglimento, problema finanziario, azione sociale, autorità, potere temporale; la spiritualità è la cosa di cui meno si parla.

Tutto ciò può dare un'illusione di forza, perché oggi la parte terrena è in auge. Ma così, la Chiesa tradisce il suo mandato, poiché si trova al polo opposto del potere spirituale di Cristo, proprio dalla parte del mondo che Egli più condannò."


Harry Anderson

Ma ritornando alle parole di Gesù sulla Croce e al mandato trasmesso a sua Madre Maria e a Giovanni, viene ad essere svelato il dono più grande che Dio-Amore abbia potuto offrire al genere umano dopo la Caduta iniziale. (Cfr. QUI e QUI).

Alla Vergine in quell'attimo solenne venne affidata l'intera Umanità (rappresentata da Giovanni) della quale diventava la Madre spirituale, mentre il discepolo che sarebbe dovuto "rimanere" nel mondo fino alla Sua Seconda Venuta (Gv. 21, 21-22), ricevette in eredità Maria affinché se ne prendesse cura e la amasse con devozione filiale.

Ora, siccome il termine "chiesa" significa assemblea, riunione, comunità di fedeli, Maria ne è la Madre, dunque è Madre della Chiesa di Cristo, proprio per espresso desiderio di Gesù.

Ma quale tipo di "chiesa" auspicava il Cristo? Egli lo spiega chiaramente alla donna samaritana incontrata al pozzo di Sichem (cfr. QUI) e alla quale aveva chiesto dell'acqua. In Giovanni (cap. 4,1-30) troviamo la frase emblematica:

"Ma è giunto il momento, ed è questo, in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in Spirito e Verità; perché il Padre cerca tali adoratori. Dio è Spirito, e quelli che lo adorano devono adorarlo in Spirito e Verità». (Gv. 4, 23-24).


Simon Dewey

Dunque, la chiesa voluta dal Cristo non è certamente quella che per circa duemila anni è andata sempre più compromettendosi scendendo a patti con "Mammona" (denaro e potere) e irrigidendosi nei dogmi e nei riti, bensì quella umile e povera esemplificata da Francesco d'Assisi! (Cfr. anche QUI).

E men che meno il Divino Maestro desidera quella di oggi, con a capo colui che ha osato assumere il nome del santo fraticello e addirittura appropriarsi del «Laudato si'» con un'enciclica impertinente ed estranea al suo ruolo!

D'altra parte, già dai tempi della Sua ineffabile Risurrezione, il Volere supremo si offre all'occhio attento di chiunque aneli realmente alla Luce e alla Verità.

Il Vangelo di Giovanni riporta che sia lui che Pietro corsero al luogo di sepoltura non appena seppero che Gesù era risorto:


Simon Dewey

"Nel giorno dopo il sabato, Maria di Magdala si recò al sepolcro di buon mattino, quand'era ancora buio, e vide che la pietra vi era stata ribaltata.

Corse dunque e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!».

Uscì perciò Simon Pietro insieme all'altro discepolo, e si recarono alla tomba. Correvano insieme tutti e due, ma l'altro fu più veloce di Pietro e vi giunse per primo. Chinatosi, vide le fasce per terra, ma non entrò.

Giunse intanto anche Simon Pietro che lo seguiva ed entrò nell'avello e vide le fasce al suolo, e il sudario che gli era stato posto sul capo non vicino alle fasce, ma piegato in un luogo a parte.

Allora entrò anche l'altro discepolo, che vi era giunto per primo, e vide e credette." (Gv. 20,1-8)


Eugène Burnand (1850 - 1921)

Adesso, analizzando l'intero movimento possiamo notare che Giovanni, essendo più giovane, arriva prima al sepolcro ma non vi entra per rispettare la priorità di Pietro, sia come anziano che come capo degli apostoli. Poi, una volta entrato quest'ultimo, vi accede anche lui, subito dopo.

Ebbene, fu in quel momento che iniziò sostanzialmente la Chiesa di Pietro, di Simon Pietro, chiamato "Cefa = Pietra", nome imposto dallo stesso Cristo perché doveva essere il fondamento, la roccia sulla quale si sarebbe edificata la Chiesa temporale:

"E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la Mia Chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa." (Mt. 16,18).

Doveva essere Pietro, dunque, ad entrare per primo nella tomba vuota, come a stabilire una continuità tra il Cristo che aveva appena concluso la sua Missione ed il suo successore che ne diventava il Vicario in Terra.

Pietro, dal temperamento impetuoso e intransigente raffigura la Chiesa di Roma, con la sua incongruenza ed eccessi, ma anche con la sua ottusità e l'attaccamento alla materia tanto che per salvarsi tradì il Maestro.

Ma è Giovanni il Prosecutore effettivo della Chiesa voluta dal Cristo, quella mistica, ardente e vera. Ecco perché è entrato nel sepolcro dopo aver dato la precedenza al capo degli apostoli! (Consiglio vivamente di leggere anche QUI, per l'aspetto esoterico di quanto ho descritto, confermato pure sorprendentemente a Medjugorje).

Pietro e Giovanni: principio e fine di un movimento inteso come parabola umana, perché sarà proprio la Chiesa di Giovanni, rinnovata e vitale più che mai, ad accompagnare l'Umanità nella nuova dimensione, dove finalmente lo Spirito avrà riconquistato la sua Signoria nel cuore degli uomini ormai incamminati verso un meraviglioso futuro.





Il brano di Pietro Ubaldi è tratto da "La Discesa degli Ideali" ‒ Om Edizioni.

domenica 27 agosto 2017

Nesso tra Consumo d'Alcool e Possessione spiritica




Sebirblu, 25 agosto 2017

Anche se l'alcool viene prodotto in serie, promosso, legalizzato ed ingerito da una moltitudine di persone in tutto il mondo, la maggioranza di queste non è per nulla a conoscenza delle conseguenze drammatiche ed esoteriche del suo abuso.

L'etimologia di "alcool" deriva dall'arabo "al-ġuḥl" ‒spirito, che nella cultura araba indica un'entità demoniaca. La "ghul" (perché da sempre il mito la ritiene femmina) viene descritta come un essere inquietante che aggredisce, deruba e uccide i viandanti nelle zone desertiche.

Il termine è abbinato anche ad "al-kuḥl" ‒ la polvere di stibnite ottenuta per sublimazione dall'antimonio ‒ che ne rivela l'origine alchemica a cui erano attribuite le proprietà magiche e spirituali degli elisir.

I vocaboli "alambicco" e "alcool" sono rispettivamente delle metafore sia di "aqua-vitae" (o acqua di vita) che di "spirito", perché entrambe si riferiscono ad un distillato che scaturiva da esplorazioni magico- alchemiche del Medio Oriente.

In alchimia, l'alcool viene utilizzato per estrarre l'essenza di un elemento. Da qui il suo uso nell'estrazione dei principi per oli essenziali, e per la sterilizzazione degli strumenti medici.

Consumando ed ingerendo alcool perciò, viene estratta l'essenza dell'anima (ecco perché si dice "in vino veritas") permettendo al corpo eterico-astrale di essere suscettibile ad entità vicine che, vibrando in maggioranza a frequenze molto basse, perché attratte dalla voglia di bere, influenzano, ossessionano e possiedono (cfr. QUI e QUI) coloro che ne abusano.

Per questo le persone che assumono quantità eccessive di alcool restano spesso obnubilate e non ricordano quello che è successo. L'anima, astraendosi dal corpo in conseguenza dell'effetto alcolico, apre la "porta" ad ingerenze estranee più o meno deleterie in rapporto al proprio modo di essere: se si ha del buono in sé, questo emergerà amplificato; ma anche le passioni, i dispiaceri e i vizi saranno potenziati dagli "spiriti".




In ogni caso, in tali condizioni, lo stato dell'individuo si presenterà alterato, tanto da disinibire qualsiasi freno che la ragione, la timidezza, il disagio o la sofferenza intima possano apporgli, lasciandolo "nudo" e allo sbaraglio di entità, a volte diaboliche, che hanno lo scopo preciso di indurlo a delinquere nel caso ne avesse le tendenze.

L'autore dell'articolo Zahrah Sita dice che è venuto a conoscenza di questo fenomeno anni fa, quando, in veste di osservatore, si è sentito trasportare in spirito presso un popolare ritrovo bar-discoteca. Sopra di esso pullulavano miriadi di entità, mentre all'interno c'era gente che beveva alcolici, socializzava, ballava e così via.

Alcune persone erano in preda all'ubriachezza. Ha visto le loro anime fuori dai rispettivi corpi, collegate ad essi con un filo argenteo (cfr. QUI), una sorta di cordone ombelicale, a causa dell'enorme disagio di dover "abitare" in "veicoli" altamente intossicati dall'alcool.

E  quando  l'anima  esce  dal corpo  per  aver commesso  un  arbitrio  negativo (questo vale anche per la collera; da qui il detto "esser fuori di sé") altri enti malevoli si agganciano al suo guscio vuoto. Una volta che tali spiriti le si affiancano, invadendone l'organismo, lo usano per sfogare i loro più bassi istinti in atti di violenza, di sesso brutale, ed altro ancora, fino ad arrivare al suicidio e all'omicidio.

Anni dopo, durante la lettura di un libro intitolato "L'Eterna Ricerca dell'Uomo" di Paramahansa Yogananda, egli ha scoperto che questo grande maestro spirituale spiegava chiaramente la stessa cosa, come gli era stata mostrata nella visione.

Quante volte nell'arco di una vita è capitato di vedere qualcuno che, dopo essersi intossicato con l'alcool, si comportava in modo insolito? Forse è stato notato un cambiamento di voce, la violenza nelle parole, un comportamento conflittuale carico di aggressività ed altre espressioni negative.




Considerando questi fatti, dovremmo chiederci: "Si tratta di una manifestazione di luce, amore e positività? Tali eventi rappresentano un percorso di consapevolezza e di equilibrio interiore?

È noto a molti che l'ingestione di alcool deprime il sistema nervoso, uccide le cellule cerebrali, è tossico per il fegato, indebolisce il sistema immunitario, ed ha numerosi altri effetti nocivi.

Ci viene insegnato che il consumo di alcool, a lungo termine, può portare ad un aumento di peso, a malattie epatiche, ad una diminuzione dell'intelligenza e ad effetti negativi sugli ormoni. Bere alcool durante la gravidanza provoca anomalie congenite, ritardo mentale e malformazioni nel feto in via di sviluppo.

Eppure, viene ampiamente promosso e sostenuto dalla nostra cultura dominante. Avete mai pensato che l'alcool è uno strumento occulto dei sostenitori della Matrix (il programma di oppressione e controllo globale della mente) per mantenere i popoli su un cammino continuo di impotenza e malattia?

Un insegnante di psicologia ha sottolineato che la maggior parte della pubblicità sugli alcolici viene integrata con messaggi ed immagini subliminali non percepibili alla vista comune, ma captati attraverso il subconscio. (Per conoscere meglio la "Psiche" ved. QUI). 




Essendo a conoscenza di quanto il subconscio sia potente nelle singole decisioni, sentimenti, e credenze,  le varie  multinazionali e i loro gruppi  addetti al marketing (così come per il tabacco ed altro) hanno utilizzato questa tecnica sinistra per indurre la gente ad acquistare i loro prodotti in modo subdolo, rendendola schiava delle mode ed assuefacendola  lentamente  al  vizio.

Mentre ci sforziamo di aver cura, risvegliare, e trasformare il nostro pianeta, preghiamo che ognuno diventi consapevole del brutto inganno perpetrato su tutta l'umanità non solo per quanto concerne l'alcool, ma per ogni abitudine dannosa al corpo e allo spirito che implacabilmente trascina i popoli verso l'abisso, facendo dimenticare l'immagine divina originaria ricevuta al tempo della Creazione dal nostro Divino Genitore.

Da questa rapida panoramica si può dedurre facilmente chi sia l'oscuro manovratore dei fili dietro le quinte (cfr. QUI), e allora, non sarebbe il caso di dire "BASTA" a sé stessi, chiedendo l'AIUTO che sicuramente dal Cielo arriverebbe se mettessimo un po' più di volontà nel cambiare rotta?

Traduzione di alcune parti del testo e relazione di: Sebirblu.blogspot.it

Spunti tratti da: theeventchronicle.com

mercoledì 23 agosto 2017

IL NUOVO ORDINE sarà Messianico e NON Massonico!


Danny Hahlbohm

«Vidi poi un angelo che scendeva dal cielo con la chiave dell'Abisso
 e una grande catena in mano. 
Afferrò il dragone, il serpente antico cioè il diavolo, satana
 e lo incatenò per mille anni.

Lo gettò nell'Abisso, ve lo rinchiuse,
 e ne sigillò la porta sopra di lui perché non seducesse più le nazioni,
 fino al compimento dei mille anni.
 Dopo, questi dovrà essere sciolto per un po' di tempo.

Poi vidi alcuni troni, 
e a quelli che vi si sedettero fu dato il potere di giudicare. 

Vidi anche le anime dei decapitati a causa della testimonianza di Gesù
e della parola di Dio,
 e quanti non avevano adorato la bestia e la sua statua,
 e non ne avevano ricevuto il marchio sulla fronte e sulla mano.

Essi ripresero vita e regnarono con Cristo per mille anni;
gli altri morti invece non tornarono in vita fino al compimento dei mille anni.

Questa è la Prima Risurrezione.
Beati e santi coloro che prendono parte alla Prima Risurrezione.
Su di loro non ha potere la seconda morte,
ma saranno sacerdoti di Dio e del Cristo,
e regneranno con lui per mille anni».
(Ap. 20, 1-6)


Danny Hahlbohm

Sebirblu, 22 agosto 2017

La breve sintesi che segue, scritta da un uomo eccezionale come il prof. De Parvulis del quale ho esposto QUI il profilo di base (ed altri suoi lavori QUI e QUI), chiarisce molto bene l'equivoco scaturito nel tempo dalle parole di alcuni ecclesiastici, ma soprattutto da due papi come Giovanni Paolo II e Benedetto XVI che auspicavano la venuta di un Nuovo Ordine Mondiale.



In particolare, le esternazioni di Ratzinger avevano sollevato una ridda di critiche e proteste che, sommariamente, lo accusavano di correità col Governo Ombra, senza il benché minimo sforzo da parte dei detrattori (e d'altronde come avrebbero potuto?) di considerare il concetto sotto una prospettiva molto più elevata e lungimirante.

Ma  lascio la spiegazione  all'Autore,  particolarmente ricco di quel  talento  prezioso che è il saper esporre in modo conciso e limpido il frutto delle proprie intuizioni e ricerche spirituali.




IL NUOVO ORDINE MONDIALE  (caotico)

Caro lettore, queste due paginette ti aiuteranno a capire tre cose.

1) – Il NOM (Nuovo Ordine Mondiale) è voluto da persone che nel mondo vogliono creare il disordine, cioè il caos (il motto latino di queste persone è "Ordo ab Chaos"¹).

2) – Dio si servirà di questo NOM caotico per purificare l'Umanità destinata all'Era nuova.

3) – L'Era nuova corrisponde ad un NOM di natura divina. Conclusione: Il vero NOM non è quello massonico ma quello messianico.

Giorni fa un documento audio-visivo presente su Internet mi ha permesso di incontrare – incontro virtuale – la dottoressa Enrica Perucchietti, un'esperta di storia delle religioni che vive a Torino.

Nel documento la dottoressa ha fatto il nome di Joseph Ratzinger, per significare che aveva notato in lui un comportamento contraddittorio.

La Perucchietti ha detto che nel 1999 il cardinal Ratzinger ha firmato l'introduzione di un libro intitolato "NUOVO DISORDINE MONDIALE"² (QUI riportata).




Il 25 dicembre 2005 – sei anni dopo – lo stesso Ratzinger, diventato Papa, ha espresso pubblicamente le parole ascoltate nel video soprastante e qui trascritte:

"Uomo moderno, lasciati prendere per mano dal Bambino di Betlemme. La forza vivificante della sua luce ti incoraggia ad impegnarti nell'edificazione di un NUOVO ORDINE MONDIALE". 

Se i fatti riportati sono veri, che senso dare a questo comportamento di Benedetto XVI? Contraddizione vera o contraddizione apparente? Che tipo di rapporto intercorre tra il Vaticano e il NOM?

Succede – per farla breve³ – che il Nuovo Ordine Mondiale (che in ordine di tempo si realizzerà per primo) sarà massonico, mentre il secondo (secondo nel tempo) sarà messianico. E mentre il primo sarà voluto dall'uomo, il secondo sarà voluto da Dio.

Il piano di Dio prevede che il Regno messianico sia preceduto dalla purificazione della Chiesa e del mondo, purificazione dolce o dolorosa secondo la reazione spirituale dei singoli.

Ciò significa che durante il Regno dell'anti-Cristo il Genere umano sarà battuto da flagelli di ogni tipo (flagelli permessi da Dio ma utilizzati – cioè maneggiati – dai servi dell'anti-Cristo) e che alla fine di queste tribolazioni, da un lato ci saranno le persone di buona volontà (il granaio, cioè la Terra rinnovata) e dall'altro ci saranno gli altri.

Secondo il Prof. De Parvulis (autore della risposta che appare su Internet) risulta che Benedetto XVI non parlava di un NOM umano ma di un NOM trascendentale, cioè divino.





Il Prof. De Parvulis aggiunge pure – e dimostra – che l'Ordine Mondiale Messianico che seguirà quello massonico sarà eterno (non avrà fine).

– Chi mi assicura che tutto questo corrisponde a verità?

Tutto questo si trova scritto nei messaggi che Dio ci manda tramite i Profeti cristiani contemporanei. Da essi capiamo che il Millennium pacis , descritto da san Giovanni all'inizio del 20° capitolo dell'Apocalisse, corrisponde al NOM messianico, che è il Regno di Cristo in terra.

Le Scritture sacre lo annunciano come immortale per un motivo ben semplice: alla fine del suo tempo terrestre gli accadrà ciò che è accaduto a Maria, la Madre di Gesù: passerà dalla terra al Cielo senza conoscere la morte.

Questa ipotesi non contraddice la Bibbia, anzi, permette di esplicitarne una parte importantissima, quella riguardante l'immortalità del Regno messianico.

Non appena il suddetto Regno giungerà alla fine della sua esistenza terrena, subito inizierà per lui l'esistenza eterna.

Queste cose non possono essere capite da tutti, ma gli innamorati della Verità le capiscono al volo.

– E gli altri?

Gli altri fanno quello che possono. Quando da bambino mi ostinavo a non voler mangiare la minestra, mia madre me la sottraeva dicendo: "Chi non vuole non merita".

Johannes De Parvulis

NOTE

[1] "Dal caos l'ordine" è la traduzione italiana di "Ordo ab chaos", frase latina che la Massoneria ha scelto come parola d'ordine. Siccome nella Bibbia si legge che Dio ha creato l'ordine universale partendo dal caos precedente ("Ordo ab chaos") i dirigenti massoni hanno deciso di interpretare il comportamento di Dio a modo loro. 

Nella loro stoltezza essi vogliono imitare Dio, ma alla rovescia (come fa il diavolo, che è il nemico di Dio). Anziché trasformare il caos in ordine essi trasformano l'ordine in caos. Così si applicano a distruggere l'ordine divino – che già esiste – con la pretesa finale di creare un ordine nuovo a modo loro.

[2] L'autore di questo libro è monsignor Michel Schooyans. Il libro suddetto presenta il Nuovo Ordine Mondiale come "una grande trappola destinata a ridurre il numero dei commensali alla tavola dell'umanità".


[4] Dio si servirà dell'Ordine mondiale massonico come di un crogiuolo di sofferenze destinate a purificare l'umanità in vista dell'Ordine mondiale messianico che lo seguirà.

[5] La notizia che riguarda le enormi sofferenze che il Nuovo Ordine Mondiale massonico causerà al Genere umano fa pensare alla tradizionale battitura del grano, quella che qualche decennio fa veniva eseguita nell'aia della fattoria con dei flagelli.

[6] Millennium pacis = Millennio di pace (Ap 20, 1-6). A chi è riservato questo Millennium pacis? La risposta è nella nota 5 del libro indicato nel link soprastante, alla nota 3.

[7] L'articolo 66 del CCC dice di fare proprio questo: esplicitare le parti della sacra Scrittura che non hanno potuto esserlo prima d'ora (CCC = Catechismo della Chiesa Cattolica).

[8] "Et regni eius non erit finis" (Lc 1, 33). Questa affermazione dell'arcangelo Gabriele alla Vergine Maria ci dice che il Regno di Cristo è destinato ad essere immortale. Significa che prima di passare all'eternità esso può iniziare ad esistere sulla terra.

[9] Per ulteriori spiegazioni, consultare il terzo capitolo (sezioni 4 e 5) del libro disponibile su Internet sempre al link della nota 3.

Post Scriptum

Ecco, per conoscenza, un video in cui la dr.ssa Enrica Perucchietti parla del Nuovo Ordine Mondiale e delle Rivoluzioni nella storia.





Relazione, adattamento e cura: Sebirblu.blogspot.it

Fonte: parvulis.com/it 

domenica 20 agosto 2017

Messaggio Divino dell'Eclisse e Pericolo nascosto




Sebirblu, 20 agosto 2017

In occasione del grande evento astronomico che domani investirà principalmente gli Stati Uniti, vorrei mettere in guardia tutti, ossia riflettere molto bene, prima di lasciarsi andare alla corrente imbonitrice planetaria che invita ad unificarsi in una grande meditazione massiva nel momento dell'eclisse.

Innanzitutto, quando  ci  si accinge  a  meditare, e  non è facile  farlo  soprattutto per noi occidentali che manchiamo di dominio sulla mente e sui pensieri perché non adusi alla concentrazione, è indispensabile collegarsi profondamente con il Principio Divino dal quale proveniamo.

Non ci si può improvvisare ipso facto spiritualisti quando il nostro vibrare quotidiano è sempre rivolto agli affari e agli allettamenti del mondo! Con queste cose non si scherza, tanto più quando ci si espone totalmente allo sbaraglio di forze oscure che si scatenano sulla Terra in occasione dell'adombramento della luce e dell'energia solare.

Per poter padroneggiare tutta la negatività che si scatenerà domani, e i satanisti lo sanno bene non aspettando altro che quel momento per inneggiare, prostrarsi e sacrificare al loro adorato Lucifero, è necessario essere puri e determinati ad emettere "fiumi di Amore incondizionato" in perfetta sintonia con l'inesauribile Fonte di ogni Bene e con l'intera Creazione.

Accingersi a meditare, coinvolti dall'entusiasmo che accende le emozioni ingannevoli e illudendosi di cambiare il mondo, senza aver prima cambiato sé stessi, è una chimera che può costare molto cara! Potremmo attirare, infatti, nugoli di entità di ogni specie che renderebbero la nostra vita ancor più difficile di quanto non lo sia oggi. (Cfr. QUI, QUI, QUI e QUI, ma per comprendere il tutto QUI).

La concomitanza del "sole nero" con la "luna nera" in che modo può essere ideale per immergersi tutti insieme "beotamente" in un abbraccio apportatore di benessere e di cambiamento unitario, quando normalmente gli orientali per meditare si espongono di preferenza ai raggi del sole di primo mattino?

Detto questo, per chi non fosse ancora sufficientemente convinto delle mie parole, rimando a questo LINK e al video molto conciso qui di seguito.




Per quanto riguarda invece l'articolo da me scelto perché inerente al tema, esso presenta molti aspetti sorprendenti scaturiti da una ricerca acuta che riporta al detto di come Dio si serva anche di righe storte per scrivere diritto ed inviare messaggi e segni speciali agli uomini affinché riflettano e si ravvedano.

Il Messaggio Divino contenuto nell'Eclisse d'Agosto

Il 21 agosto 2017, una totale eclisse solare attraverserà tutta la fascia centrale degli Stati Uniti, partendo dall'Oregon e terminando in Carolina del Sud.

Curiosamente inizierà a manifestarsi dalla costa occidentale, appena dopo il sorgere del sole (come da immagine animata, le eclissi iniziano a manifestarsi da ovest, e per me è un'ulteriore convalida che l'ombra, la morte – uccidente = occidens = occidente – copra la luce d'Oriente da cui il sole sorge, e con lui la vita).




In sostanza, la gente vedrà un "sole nero" levarsi sugli Stati Uniti. È stato anche calcolato che un'altra eclisse identica attraverserà l'America nell'angolatura opposta fra sette anni, nel 2024.

Prima di continuare la lettura, è necessario tener presente che questa descrizione non si riferisce alla "fine del mondo", ma semplicemente al fatto che Dio possa, attraverso i "SEGNI", che Lui stesso ha annunciato QUI, comunicare al mondo l'imminenza del "Rapimento" (cfr. QUI e 1 Corinzi 15:51-58; ndt) e del Ritorno di Cristo (cfr. QUI; ndt).

Infatti, il contenuto esoterico dell'analisi condotta è impressionante e forse qualcuno riuscirà a trovare altri risvolti in più...

L'eclisse d'agosto si presenterà esattamente 33 giorni prima della convergenza stellare del 23 settembre 2017 (di cui ho parlato QUI; ndt); inizierà nel 33° stato dell'Unione (Oregon) e terminerà in Carolina del Sud nel 33° parallelo. Si sta per verificare nel 233° giorno dell'anno in corso, che è di 33 settimane e 2 giorni.

Si può davvero pensare che sia tutta una coincidenza? Inoltre, un'eclisse come questa non avviene da 99 anni, ossia il triplo di 33! Quale ne è il significato profondo? Uno dei nostri lettori ci ha segnalato Ezechiele 33:

«Mi fu rivolta questa parola dal Signore: figlio dell'uomo, parla al tuo popolo e digli:

‒ Quando mando la spada contro un paese, il popolo di quella terra prende un uomo del suo territorio e lo pone come sentinella. Questa, vedendo sopraggiungere la minaccia sul paese, suona la tromba e dà l'allarme a tutti.

Ora, se chi ode il suono non vi fa caso e la spada giunge e lo sorprende, egli dovrà imputare a sé stesso la rovina: aveva udito il suono della tromba, ma non vi aveva badato e sarà responsabile della propria disgrazia; se ci avesse fatto caso, si sarebbe salvato.

Se invece la sentinella vede arrivare la spada e non dà l'allarme per avvertire il popolo e il nemico giunge e prende la vita di qualcuno (perché peccatore), della sua morte domanderò conto alla sentinella.

Ma se tu avrai ammonito l'empio della sua condotta perché si converta ed egli non lo fa, egli morirà per la sua durezza. Tu invece sarai salvo.»




L'eclisse avverrà esattamente a 40 giorni dallo Yom Kippur ebraico (Giorno della Espiazione, che quest'anno cade tra il 29 e il 30 settembre; ved. QUI), e la nota mia di seguito, ndt).

Nota di Sebirblu

Il "40" è un numero emblematico per la Bibbia:

I 40 giorni del diluvio, ai tempi di Noè, prima della Salvezza.
I 40 giorni di Mosè sul Sinai, prima di ricevere i 10 Comandamenti.
I 40 giorni del viaggio di Elia prima di giungere al Monte di Dio, l'Horeb.
I 40 giorni di predicazione di Giona prima che Ninive si pentisse e si salvasse.
I 40 anni degli Israeliti passati a vagare nel deserto prima di raggiungere la Terra Promessa.
i 40 giorni di digiuno vissuti da Gesù nel deserto prima di iniziare i tre anni di ammaestramento pubblico.

Il "4", forma chiusa in sé stessa, moto faticoso nel tempo che, moltiplicato per 10 (unità, movimento potenziale compiuto) dà come risultato un periodo preciso di purificazione, di attesa per un passaggio evolutivo di profondo cambiamento. 

Ecco, quindi, il significato dei 40 giorni di "quaresima" preparatori alla Pasqua, alla Risurrezione, ad un "nuovo stato" d'essere.

Dunque, il periodo di 40 giorni che porta allo Yom Kippur ebraico non è affatto casuale. Inizia il 21 agosto ed è chiamato "Stagione di Teshuvah" (o del Pentimento) perché nella fede israelita è il momento di andare diretti a Dio prima che il giudizio piombi sul "Day of Atonement" o Giornata d'Espiazione. Più brevemente, bisogna pentirsi prima che il tempo limite sia raggiunto.

Mentre  le eclissi  non  sono così frequenti,  quelle  solari  totali  si verificano  soltanto ogni anno e mezzo e spesso sull'oceano piuttosto che a terra. Non accettate che qualcuno vi dica che questa eclisse non presenta nulla di straordinario. Il giorno sarà trasformato in notte nella metà degli Stati Uniti.

Come suddetto, sono trascorsi 99 anni da quando un'eclisse solare totale ha attraversato l'America e la prossima, tra 7 anni, lo farà formando una «X»; cosa forse senza precedenti.




Si pensa che gli Stati Uniti siano la nazione più ricca, più potente ed influente tra i Gentili (i non Ebrei; ndt). Sono anche un crogiuolo etnico planetario ospitante un governo internazionale come l'ONU.

Le eclissi lunari (o lune di sangue) sono dei presagi per Israele mentre quelle solari lo sono per gli stati dei Gentili o Goyim. 

La Tribolazione di 7 anni, detta "Giorno del Signore", avviene quando l'Eterno entra in giudizio con i popoli Goyim. Il fatto che due eclissi totali, a distanza di solo sette anni, attraversino interamente gli Stati Uniti formando una "X" sopra la nazione più importante della Terra, dovrebbe indurre ad intensa riflessione.

La  Tribolazione  (chiamata  anche  Settantesima  Settimana  di  Daniele  o  Afflizione del Tempo di Giacobbe) viene paragonata alla versione mondiale della «Uscita» dall'Egitto. Le piaghe e l'Esodo erano una sorta di microcosmo del futuro "Giorno del Signore".

Il faraone spietato è una specie di anticristo, le piaghe, (oltre che ripresentarsi anche oggi, vedere QUI; ndt), raffigurano le trombe e le coppe del giudizio, mentre l'Esodo rappresenta il "Rapimento" del piccolo "resto" rimasto fedele alla tradizione, e così via.

Tenendo presente questo, si consideri che la «X» che si formerà negli Stati Uniti sarà centrata proprio su una regione del sud dell'Illinois chiamata "Little Egypt" (Piccolo Egitto; ndt), e per di più sul punto esatto in cui non solo i due percorsi attraversano la città di Makanda che viene chiamata "Stella d'Egitto" (ved. QUI), ma anche perché, guarda "caso", sarà l'area più buia dell'intero continente americano. 

L'eclisse avverrà in congiunzione con Regulus, la "King Star" (l'Astro Re; ndt). Regulus è la stella più luminosa della costellazione del Leone.




Il Leone sarà pure coinvolto nell'emblematico Segno dell'Apocalisse 12 fra 30 giorni circa. Il fatto che questa eclisse si verifichi in Leo che, a sua volta, farà parte del Grande Segno del mese prossimo, è sorprendente.

È come se Dio stesse cercando di far convergere la nostra attenzione sul Re e sulla configurazione stellare del 23 settembre 2017. (Di cui mi occuperò dettagliatamente in uno dei post successivi a questo; ndt).

Per giunta l'eclisse attraverserà 12 Stati, come a sottolineare, soltanto un mese prima, le 12 stelle che faranno corona al capo della Vergine nella congiunzione futura.

La prima grande città toccata dall'eclisse totale sarà la capitale dell'Oregon, Salem, che è la versione abbreviata di "Gerusalemme", in quanto questa era originariamente chiamata "Salem" nei giorni di Melchizedek (Genesi 14:18).

Se questo non fosse sufficiente, bisogna sapere che la strada più vicina al punto esatto in cui la zona d'ombra delle eclissi si intersecherà corrisponde alla Salem Road a Makanda, in Illinois. Quante probabilità dovute al "caso" ci possono essere in ciò?

Dopo aver attraversato Salem, in Oregon, il tracciato dell'eclisse attraverserà Madras, il cui significato è "Madre di Dio" (e ricorda la Donna vestita di Sole).

A seguire, arriverà sulla città di John Day (il giorno di Giovanni; ndt) che ci ricorda l'Apostolo autore dell'Apocalisse, il quale ci ha descritto il "Giorno del Signore" menzionato sopra.

Poi, l'oscuramento raggiungerà Weiser, in Idaho, che in tedesco sta per "uomo saggio" e, difatti, i Saggi d'Oriente erano quelli che guardavano i segni nei cieli quando nacque Gesù Cristo.

Essi seguivano la Sua stella e trovarono il luogo esatto in cui nacque. Allo stesso modo, noi stiamo osservando un altro segno celeste che indica inequivocabilmente l'approssimarsi del Ritorno di Gesù, o Parusìa.




La parabola dell'eclisse, continuando, ci riporterà a Giovanni mentre passerà sopra Grandjean (in francese Grande Giovanni; ndt). Quindi attraverserà Stanley, che significa "stone clearing" ossia "pietra scartata o eliminata" (ved. Salmo 118:22, 1 Pietro 2:4-7) e Mackay (Son of fire) o "Figlio del fuoco" (ved. 1 Giovanni 4:15, Apocalisse 1:14, 19:12, Daniele 10:6).

Poi oscurerà Rexburg ("Città del Re") e Victor (Matteo 12:20, 1 Corinzi 15:54-57, 1 Giovanni 5:4) per riportarci subito dopo ancora a Giovanni o a suo fratello Giacomo, dal momento che passerà su Jackson ("Figlio di Giovanni" per gli anglofoni, o "Figlio di Giacomo" per altri).

Giacomo e Giovanni erano anche chiamati "Boanerghes", cioè "Figli del Tuono" (Mc. 3,17);  cfr. QUI  la loro importanza. Ndt. 

Il messaggio sorprendente continua mentre l'eclisse adombrerà Casper, in Wyoming. "Casper" è un nome caldeo ed è il nome tradizionale assegnato ai saggi/maghi o magi (cfr. QUI).

L'eclisse, in seguito, si muoverà su Alliance, in Nebraska. Un'alleanza è un'unione di più partiti. La Chiesa "Vera" (cfr. QUI; ndt) formerà presto un'alleanza eterna con Cristo in quanto Capo o Testa del Corpo mistico.

Allo stesso modo, sulla terra, un'alleanza satanica di dieci corna (Apocalisse 17:12) sta già consolidandosi in un "patto con molti" (Daniele 9:27). (Cfr. QUI; ndt).

La tappa successiva sarà Ravenna, ossia "raven" (corvo) indicandoci i giorni di Noè. Questi inviò un corvo dall'Arca prima di mandare una colomba (Genesi 8:7).

Inoltre a Ravenna, in Italia, Giulio Cesare assemblò le sue forze prima di attraversare il Rubicone. Il termine "passare il Rubicone" è un'espressione idiomatica per dire che "il dado è tratto" (Alea jacta est; ndt) o "è stato superato il punto di non ritorno". In altre parole: non si può più tornare indietro.

La disamina potrebbe continuare ancora e ancora... questa è solo una breve rassegna del potenziale esoterico in atto.

Ora è il momento di affidarci davvero a Colui che ci ha riscattato e che ci ama immensamente, perché ormai non resta più tanto tempo... per giocare!

Traduzione e libero adattamento di Sebirblu.blogspot.it

Fonte: unsealed.org