giovedì 1 maggio 2014

Dall'Aldilà: "Storia Vera di un Sacerdote Suicida"



Sebirblu, 1 maggio 2014

Cari Lettori, penso di far cosa gradita a molti di voi, che cercano riscontri sull'esistenza dell'aldilà, nel presentare un'inedita rivelazione di un Essere che sulla Terra era un sacerdote e che dopo esser venuto a contatto con la Realtà vera, entrò in conflitto con se stesso uccidendosi.

Gli insegnamenti che aveva impartito, frutto dell'educazione teologica ricevuta, non collimavano affatto con la Conoscenza che dà nuova luce al senso della vita con la possibilità del saliscendi reincarnativo e dunque con l'inesistenza del castigo eterno.

Questa «comunicazione» fa parte di una serie di messaggi-esempio che sono contenuti nei due prestigiosi volumi «Scintille dall'Infinito», mai entrati in commercio, che per la loro elevatezza, sono due pietre miliari del più alto ammaestramento spirituale.




Dall'Aldilà: "Storia Vera di un Sacerdote Suicida"

La storia inizia con un preambolo del relatore prima della manifestazione medianica dell'Entità, giunta con il permesso di Legge, per dare testimonianza di sé.

Relatore: "Ecco una voce più chiara, una concezione già nitida, una confessione di errori che rivela un'anima in piena evoluzione la quale, malgrado gli errori commessi, è già pervenuta ad una certa altezza della scala ascendente."

Entità: "Come potete voi tormentarci con la vostra insana curiosità, quando il ricordo ci turba ancora mentre lo Spirito è in ascesa?"

Relatore: "Il tuo Spirito è in ascesa?"

Entità: "Sì, sono arrivato. Sono arrivato dopo aver negato e questo mio negare ha fatto delle rovine, perché ho chiuso delle menti, ho infranto delle speranze, ho voluto portare la mia lotta all'estremo. Chiamo quella fase della mia vita «l'onda della follia».

Relatore: "Potresti darci un cenno sulla tua vita terrena?

Entità: "Dopo essere passato a fianco della Luce, dopo averLa disprezzata perché mi era stata male somministrata, ho voluto chiudere interamente la porta. Stanco della lotta, con la visione della nostra nullità, ho voluto finirla per andare a cercare il Bene.

Il 10 aprile 1871, io, Roberto, morii in anima pura vivendo in corpo. Sapete voi cosa significhi «morii in anima pura vivendo in corpo»? Questa data segna il rigetto della mia veste sacerdotale e riflette il cambiamento della mia coscienza in merito alla verità.

Io, Roberto, ero stato accolto giovanetto in abbandono, da un uomo di fede, Martini, ed ero stato messo a studiare le scienze teologiche, la «Summa» di Tommaso D'Aquino.




Su quei libri, su quelle asserzioni, io, di sentimenti religiosi perché così educato, ero pervenuto ad una diversa conclusione: doveva intendersi il dogma quale verità indistruttibile o era vero piuttosto ciò che sentivo nel mio profondo?

Era giusto quello che salendo dal mio interno alimentava la mia mente, mi rendeva mite con i miei simili, propenso all'indulgenza, al perdono e mi spingeva ad una dolce profusione di altruismo e di soccorso?

E in questa morsa continuavo ad insegnare vivendo, come dite voi umani, fra l'incudine e il martello. Io ero il blocco di ferro arroventato, l'incudine era la mia concezione, il mio sentire... e il martello era il dogma, che batteva, batteva, batteva... inesorabile!

Un giorno, distrutto, maciullato da questa incertezza, angosciato nel timore di avere leso, contorto delle coscienze e delle menti, dissi: «È necessario vedere, conoscere e confrontare» e mi suicidai.

Avevo ragione io! L'incudine si è rafforzata, è diventata argentea, luminosa, radiante, ma avevo annientato ciò che solo Dio poteva demolire, la mia materia.

Inorridito, spaventato perché solo allora conobbi cosa doveva intendersi per Potenza, Giustizia e Sapienza, chiesi al Padre il castigo tremendo, chiesi ciò che domandano coloro che eliminano l'altrui materia, il Letargo. 


Biotesi o Piani evolutivi - Dal libro "La Vita" - QUI download. 

Così un'anima fervente e tutta Amore, visse sotto un peso schiacciante, immobile in una staticità assoluta, priva di ogni vibrazione, incapace di formulare un pensiero che non fosse quello della colpa commessa.

Il desiderio fu accolto dall'Altissimo e per venti lunghi anni (del nostro tempo; ndr) rimasi nell'inerzia totale e l'unico pensiero fisso accordatomi fu questo: «Signore, Ti ho offeso uccidendomi, puniscimi...» e tale frase ripetei di continuo... per due decenni!

Un giorno finalmente ci fu una sorta di vibrazione che sembrò colpirmi e sollevarmi; dal Letargo passai al Rimorso.

Solo allora potei pensare all'offesa recata al Padre e al male fatto ai miei discepoli non confortandoli con la certezza dell'esistenza di una Verità più concreta, più possente, diversa da quella enunciata dal Rito. Un Dio sì, ma un Dio d'Amore, di Misericordia e di Perdono!

Il Rimorso durò fino a poco tempo fa, poi cominciai «agile» la salita e raggiunsi il Risveglio.

Ora sono prossimo ad una nuova esperienza reincarnativa per completare il ciclo che ho interrotto ed avvicinarmi, seppur lentamente, alle due biotesi superiori «Conoscenza e Sapienza», piani dai quali non si discende più nell'ambiente fisico se non per Missioni divine.




La Verità che io sentivo e che vi confermo è questa:

«L'Amore è il più grande Potere, ma non è più tale se non vi è il perdono. Il Perdono non contempla il ricordo dell'altrui errore e non ammette l'annientamento di chi ha sbagliato». (È ovvio qui, il riferimento alla non esistenza dell'inferno nella sua eternità; ndr).

La Chiesa, la mia Chiesa, quella che a suo tempo mi ha vestito, aveva devastato la palpitante e vibrante Realtà. Perché trasformare il Padre Celeste in un empio giudice umano, inesorabile, astioso, pronto ad annichilire un individuo o peggio, a sterminare i propri figli?

Roberto Ardigò




Commento dell'Entele Maestro

"Percepite voi il fremito di questa Entità che, stroncata la sua esistenza per raggiungere il fine plasmato nella sua stessa mente, avvenuto il trapasso, espia il doppio errore commesso, quello di non aver creduto e quello di aver distrutto quanto Iddio aveva creato, la propria vita terrena?

Intendete la tragedia di quest'anima conscia di tutto il male fatto al proprio simile attraverso il suo errato insegnamento? La tragedia è appena mascherata dalle parole «chiamo quella fase della mia vita l'onda della follia».

Questo è un tipico esempio di trasmissione anontica. L'anima ha trovato riposo nell'espiazione: la Bontà divina ha già illuminato l'Entità e le ha concesso (qui, oggi) di porsi a contatto con gli umani per ammaestrarli affinché evitino quegli stessi sbagli che ella ha compiuto sulla Terra."

Relazione e cura: Sebirblu.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento