mercoledì 9 marzo 2016

Il Concetto di Profezia e l'Eterno Presente




Il Concetto di Profezia e l'Eterno Presente in atto.

Sebirblu, 9 marzo 2016

Per ben comprendere come può manifestarsi una visione profetica, è necessario considerare la disparità tra la Coscienza, comune a tutti gli Esseri umani, e la Supercoscienza.

Le dimensioni concettuali della prima agiscono e si muovono nello spazio lineare cioè nell'immanenza che si esprime nel tempo, mentre la seconda, ergendosi in verticale e quindi nella trascendenza annulla per sua peculiarità qualsiasi limite cronologico perché compenetra l'Eterno Presente in atto.

Mi spiego con un esempio molto pratico: "Visualizziamo un lungo corteo percorrente una strada di una località qualsiasi. Immaginiamo di esserne spettatori sul bordo della stessa via e dunque di vederlo passare davanti a noi.

Presto noteremo che le prime persone scompaiono alla nostra vista mentre non potremmo ancora scorgere le ultime, fuori dalla portata dei nostri occhi. Ebbene, se ipoteticamente potessimo elevarci dal suolo, sempre più in alto, constateremmo di poter osservare l'intero corteo contemporaneamente.

Se prima la nostra prospettiva era alquanto limitata, identificandola con un presente che diventava subito passato, i primi della fila, e con un futuro che doveva ancora succedere, gli ultimi in coda, ora la nostra visione amplificata ci permetterebbe di individuare simultaneamente l'insieme.

Anzi, nell'ascendere noi maggiormente, questo gruppo di persone diventerebbe soltanto un punto fino a scomparire del tutto e con esso il concetto di passato, presente e futuro. Ci troveremmo così nell'Eterno Presente in atto."

Questa è la dimensione spirituale della Supercoscienza che, in rapporto al suo sviluppo e al piano vibrazionale che ha raggiunto, ha la possibilità di cogliere e visualizzare gli accadimenti che sono al di là del tempo e dello spazio.

Ciò che viene captato dalla Supercoscienza è il risultato finale di un concatenarsi di eventi che, a seconda dell'impulso iniziale dato loro, positivo o negativo, si estrinsecheranno nel tempo lineare come avvenimenti favorevoli o disastrosi dando compimento alla Legge di causa e di effetto chiamata Karma.

Come sappiamo, ogni pensiero, parola e azione del singolo o della collettività, riguardante qualsiasi manifestazione planetaria o universale, viene incisa nel tessuto cosmico e rimane indelebile nella memoria infinita che viene chiamata "Cronaca dell'Akasha". (Cfr. QUI).

Le conseguenze karmiche nefaste di cause negative possono essere attutite o ridimensionate ma mai completamente eliminate perché gli effetti, sebbene diluiti, sono ormai stati lanciati e devono concludere la loro parabola fino all'esaurimento della forza inerziale di spinta.




È naturale però che questo accada solo quando viene a determinarsi una "presa di coscienza" sugli errori fatti e la successiva volontà di riparare con un'azione contraria e attiva, con un'inversione totale, nella direzione opposta.

Quindi non vale solo rammaricarsi di aver agito male ma necessita compensare, ritornando sui propri passi, per ricominciare creando una nuova traiettoria parabolica che bilancerà, equilibrandola, la prima.

Il motivo di questo lungo enunciato è stato necessario per poter meglio spiegare come si svolge il fenomeno profetico e in quale modo viene intercettato.

È indispensabile dunque aver raggiunto un buon grado di affinamento spirituale prima che la Supercoscienza possa realmente "vedere" l'orizzonte degli accadimenti futuri.

E questi accadimenti, non essendo stati corretti nel passato da una sufficiente massa critica risvegliatasi alla Luce, avranno il loro corso naturale consumandosi da soli, come sopradetto.

Ecco perché numerosissime profezie relative ai tempi escatologici della Terra coincidono tutte e quello che risulta ancor più singolare riguarda la loro diversa provenienza dai più disparati personaggi e in periodi differenti della storia.

Recentemente, con gli ultimi fatti clamorosi concernenti le dimissioni del Papa, il livello di interesse sul destino della Chiesa è ovviamente salito.

Ormai parecchia gente nel mondo comincia a sentire che qualcosa sta per succedere... Ancora indistintamente, ma se ne percepisce l'escalation.

Non c'è quindi da meravigliarsi se la maggior parte di coloro che hanno profetizzato è costituita da Santi, Papi o Esseri di alta evoluzione.

La loro Supercoscienza ha focalizzato degli eventi quasi tutti sullo stesso piano e nell'àmbito specifico della Chiesa di Roma, molte sono le concordanze.

Vi presento qui di seguito una serie di rivelazioni profetiche sul Papa e la Chiesa che avvalorano quanto ho appena asserito e di cui potrete rendervi conto da soli.

Esse iniziano e si concludono con due messaggi provenienti direttamente da Dio Padre, proprio perché è Lui, l'Alfa e l'Omega. Tra l'altro il primo ribadisce il tema centrale di questo post sull'Eterno Presente in atto e l'ultimo dà una rinnovata speranza a tutti noi.




"Non disprezzate le profezie: esaminate ogni cosa e tenete ciò che è buono"
1 Tess. 5, 20.

Dio Padre  – Veggente Holy Love.

"Nel mondo avete i concetti di Tempo e Spazio. Sperimentate il passato nella memoria, il presente nell'attimo in cui lo vivete, e anticipate il futuro mentre il tempo scorre momento per momento.

Ma Io Sono l'Eterno Presente. In Me non c'è passato o futuro. Solo il presente, che dura per sempre. Quindi il mondo è creato "ORA" dalle Mie mani…

Nel mondo ogni evento è in corso proprio adesso nel Mio Cuore: le guerre, le persecuzioni, gli aborti. Ma sto vivendo anche la seconda venuta di Mio Figlio, la Sua vittoria sull'Anticristo e il Suo Regno vittorioso.

Poiché non esiste il tempo nel Mio Regno, sono in grado di provare tutta la gioia e il dolore insieme. Queste cose sono difficili da comprendere per voi, ma se meditate sulle Mie parole, vi sarà data una sempre maggiore comprensione."

La Madonnina di Civitavecchia, 30 luglio 1995

Caro figlio, vi sto dando una dolorosa notizia. Satana si sta impadronendo di tutta l’Umanità, ed ora sta cercando di distruggere la Chiesa di Dio tramite molti sacerdoti. Non permettetelo! Aiutate il Santo Padre! Satana sa che il suo tempo sta per terminare, perché mio Figlio Gesù sta per intervenire.

Figli miei, le tenebre di Satana stanno oscurando ormai tutto il mondo e stanno ottenebrando anche la Chiesa di Dio. Preparatevi a vivere quanto Io avevo svelato alle mie piccole figlie di Fatima...

A Roma il buio sta scendendo sempre più sulla Roccia ("Tu sei Pietro e su questa pietra erigerò la Mia Chiesa. Mt. 16,18 - ndr) che mio figlio Gesù vi ha lasciato per edificare, educare e far crescere spiritualmente i suoi figli.

La Madonna del Pino, 28 settembre 2008 – Veggente Giuseppe Auricchia.

"...Rimanete vicino a Papa Benedetto XVI, egli è un uomo santo ed è molto vicino al Mio cuore di Madre.

Figli e figlie, dovete fare attenzione, man mano che gli ultimi tempi si avvicinano, egli soffrirà molto per Mio Figlio Gesù, lui è sempre pronto a serbare gli insegnamenti della Chiesa ma verrà perseguitato.

Non vedete quello che sta accadendo attorno a voi? Io intercedo presso Mio Figlio per proteggerlo dal male. Non siate sorpresi se un giorno verrà isolato, e questo potrà accadere nel prossimo futuro.

Vi sarà nel mondo una rivolta politica dei senza Dio, in quel tempo in Italia si vedrà il loro odio; al suo posto insedieranno un falso profeta(Cfr. QUI, al Post Scriptum tutti i link significativi su questo papa).

Questo evento ed altri si verificheranno prima che venga introdotto il trionfo di Mio Figlio, che nella Sua gloria verrà in mezzo a voi, poi tutto il male scomparirà.

Pregate, pregate, pregate per Mio figlio Benedetto XVI"




Profezie della Beata Anna Caterina Emmerich dal 1820 al 1822.

"Quelli che vidi, credo fossero quasi tutti i vescovi del mondo, ma solo un piccolo numero era perfettamente retto..."

"Vedo il Santo Padre in grande angoscia. Egli vive in un palazzo diverso da quello di prima e vi ammette solo un numero limitato di amici a lui vicini. Temo che il Santo Padre soffrirà molte altre prove prima di morire.

Vedo che la falsa chiesa delle tenebre sta facendo progressi, e constato la tremenda influenza che essa ha sulla gente. Il Santo Padre e la Chiesa sono veramente in una così grande afflizione che bisognerebbe implorare Dio in continuazione."

"La scorsa notte sono stata condotta a Roma dove il Santo Padre, immerso nel suo dolore, è ancora nascosto per evitare le incombenze pericolose. Egli è molto debole ed esausto per i dolori, le preoccupazioni e le preghiere.

Ora può fidarsi solo di poche persone; è principalmente per questa ragione che deve nascondersi. ...Esse devono pregare soprattutto affinché la chiesa delle tenebre abbandoni Roma.

Ma ha ancora con sé un anziano sacerdote di grande semplicità e devozione. Egli è suo amico, e per la sua semplicità non pensavano valesse la pena "toglierlo di mezzo". Ma quest’uomo riceve molte grazie da Dio.

Egli vede e si rende conto di parecchie cose che riferisce fedelmente al Santo Padre. Mi veniva chiesto di informarlo, mentre stava pregando, sui traditori e gli operatori di iniquità che facevano parte delle alte gerarchie dei servi che vivevano accanto a lui, così che egli potesse avvedersene."

Gli ecclesiastici nella cerchia interna sembravano insinceri e privi di zelo; non mi piacevano. Parlai al Papa dei vescovi che presto dovevano essere nominati. Gli dissi anche che non doveva lasciare Roma.

Se l’avesse fatto sarebbe stato il caos. Egli pensava che il male fosse inevitabile e che doveva partire per salvare molte cose... Era assai propenso a lasciare Roma, e veniva esortato insistentemente a farlo..."

"La Chiesa è completamente isolata ed è come se fosse completamente deserta. Sembra che tutti stiano scappando. Dappertutto vedo grande miseria, odio, tradimento, rancore, confusione e una totale cecità. O città! O città! Cosa ti minaccia? La tempesta sta arrivando; sii vigile!"




Fatima: dalla Beata Giacinta Marto, una dei tre pastorelli.

Nel  poco tempo  passato sulla terra  dopo le apparizioni, ed anche nel periodo da essi vissuto, Francesco e Giacinta, ma soprattutto quest'ultima, ebbero separatamente diverse visioni. Riferiremo ora le principali, che sono quelle di Giacinta.

Una volta, circa a mezzogiorno, Giacinta chiese a Lucia che si trovava presso il pozzo della casa dei genitori:

"Non hai visto il Santo Padre?"

"No".

"Non so come è andata, ma ho visto il Papa in una casa molto grande, in ginocchio davanti ad un tavolo, piangente con le mani sul viso.

Fuori dalla casa vi era molta gente e alcuni gli tiravano pietre, altri gli lanciavano imprecazioni e gli dicevano molte brutte parole. Povero Santo Padre, dobbiamo pregare molto per lui!".

Profezia del XII secolo di Santa Ildegarda

"Uno dei musulmani rimasti si convertirà, diventerà prete, vescovo e poi cardinale, e quando verrà eletto il nuovo Papa (subito prima dell’Anticristo) questo cardinale ucciderà il Papa prima che sia incoronato, a causa della gelosia, perché lui stesso desidera essere Papa.

Allora quando gli altri cardinali eleggeranno il Papa successivo, questo cardinale si proclamerà anti-Papa e i due terzi dei cristiani lo seguiranno."

Profezia del XIII secolo – Veggente Giovanni di Vatiguerro

"…Il Papa cambierà la sua residenza e la Chiesa non sarà difesa per venticinque mesi o più, perché durante tutto quel tempo non ci sarà Papa a Roma…Dopo molte tribolazioni, un Papa sarà eletto fra coloro che saranno sopravvissuti alle persecuzioni…"

Profezia del XVIII secolo di Suor della Natività – Fougères Francia.

"Vidi una grande potenza insorgere contro la Chiesa. Essa saccheggiò, devastò e gettò nella confusione e nel disordine la vigna del Signore, facendo sì che venisse calpestata dalla gente e messa in ridicolo da tutte le nazioni.

Avendo diffamato il celibato e oppresso il sacerdozio, essa ebbe l’insolenza di confiscare le proprietà della Chiesa e di arrogare a sé i poteri del Santo Padre, di cui teneva in spregio la persona e le leggi..."




XIX secolo, profezia della Ven. Madre Agnese Steiner

"I monaci dovranno lasciare i loro monasteri e le suore saranno cacciate dai loro conventi, specialmente in Italia...La Santa Chiesa sarà perseguitata...A meno che le persone con le loro preghiere non ottengano il perdono, verrà il tempo che vedranno la spada e la morte, e Roma sarà senza un pastore..."

XIX secolo, profezia della Beata Anna Maria Taigi, Siena

"La religione verrà perseguitata e i preti massacrati. Le chiese verranno chiuse, ma solo per poco tempo. Il Santo Padre sarà obbligato a lasciare Roma."

9 giugno 1946, messaggio della Madonna a Ida Peerdeman, Amsterdam

"Ci sarà una lotta a Roma contro il Papa. Vedo molti vescovi e sento una voce che dice: «Catastrofico!»"

5 maggio 1977, messaggio di Gesù a Mons. Ottavio Michelini, Italia

"Il mondo e la stessa mia Chiesa hanno raggiunto un tale livello di pervertimento morale e spirituale non più tollerabile dalla Divina Giustizia.

Questa Giustizia Divina (già in corso) si manifesterà sempre più lasciando in balìa di se stessi, Mondo e Chiesa, i quali venendo a mancare l'Assistenza divina, saranno maggiormente tiranneggiati dalle orde oscure e malvagie dell'inferno.

Esse non trovando ostacoli dall'Onnipotenza divina, sfogheranno il loro sadismo perfido ed inumano su tutto e su tutti; si moltiplicheranno gli attentati alle chiese, le profanazioni di persone o cose sacre, scorrerà sangue, sangue, sangue.

Ecco figlio mio perché assistete a fatti così gravi, così tragici, così selvaggi, per cui sovente vi domandate come è possibile arrivare a questi eccessi."

15 novembre 1990, messaggio della Madonna a Don Stefano Gobbi.

"...La grande prova è giunta per la vostra Chiesa. Si sono continuati a diffondere gli errori che hanno portato alla perdita della Fede.

Molti Pastori non sono stati attenti, né vigilanti ed hanno permesso a tanti lupi rapaci, vestiti da agnelli, di introdursi fra il gregge a portare disordine e distruzione. Quanto è grande la vostra responsabilità, o Pastori della santa Chiesa di Dio!

Si continua sulla strada della divisione dal Papa e del rifiuto del suo Magistero; anzi, di nascosto si prepara un vero Scisma che presto potrà diventare aperto e proclamato. Allora rimarrà solo un piccolo Resto fedele, che Io custodirò nel giardino del mio Cuore Immacolato..."




14 gennaio 1996, messaggio di Gesù a Catalina Rivas, Bolivia.

"Il Papa vedrà la distruzione di Roma e del Vaticano, calpestato e depredato, soffrirà come Padre della Cristianità. Dalle sue labbra uscirà un anatema contro coloro che, dimenticando la loro Fede, si uniranno alla Bestia.

Le esperienze che patirà, e quello che vedrà, gli faranno sollevare le braccia in atto di supplica e lo faranno inginocchiare domandando perdono."

Papa Leone XIII, 13 ottobre 1884.

Questo Pontefice ebbe una visione durante la celebrazione eucaristica. Ne fu scioccato e sconvolto. Spiegò che riguardava il futuro della Chiesa. Rivelò che Satana nei cento anni successivi avrebbe raggiunto l'apice del suo potere e che avrebbe fatto di tutto per distruggerla. (Cfr. QUI).

Vide pure la Basilica di San Pietro assalita dai demoni che la facevano tremare. Cosicché, Papa Leone si raccolse subito in preghiera e scrisse la famosa invocazione a San Michele Arcangelo, vincitore di Satana e protettore della Chiesa.

Da allora fu recitata in tutte le chiese alla fine di ogni Messa ma fu abolita con la riforma liturgica del Concilio Vaticano II, la stessa che Benedetto XVI ha tanto cercato di riscrivere.

San Pio X – Papa Giuseppe Sarto.

Nel 1909, durante un'udienza, Pio X cadde improvvisamente in uno stato molto simile alla trance. Ridestandosi, disse profondamente turbato:

"Ciò che ho veduto è terribile! Sarò io o un mio successore? Ho visto il Papa fuggire dal Vaticano camminando tra i cadaveri dei suoi preti. Si rifugerà da qualche parte, in incognito, e dopo una breve pausa morrà di morte violenta".

Pio X avrebbe altresì dichiarato trattarsi di: "Uno dei miei successori con il mio stesso nome". Il suo nome era Giuseppe Sarto. Giuseppe, dunque Joseph.



Dio Padre, 22 Febbraio 2013 – Veggente Rosanna.

"Imparate a discernere sempre l'acqua fresca, perché prossimamente vi stupirete di certe leggi e innovazioni che proverranno dalla mia Chiesa malata, anzi agonizzante, di cui molti rappresentanti, ormai nello spirito del mondo, sembrano voler cancellare il senso del peccato nella società...

Non avvilitevi se sembrerà che tutto ciò in cui avete creduto stia crollando, ciò deve avvenire perché tutto il marcio della mia Chiesa esca allo scoperto e tutto ciò che andrà distrutto non potrà più offuscare la sua purezza e la sua bellezza ed essa rifiorirà come una Sposa.

Stringiamoci tutti intorno alla Chiesa vera, quella nascosta, piccola, umile, (come una violetta nascosta tra i rovi) e fervente. (Cfr. QUI).

Pregate con amore che presto finiscano i pericoli, gli inganni e le frodi e che le menzogne tacciano. Che trionfi la verità di Gesù Cristo...".

Nessun commento:

Posta un commento