lunedì 31 dicembre 2012

Mirabile Epilogo 2012 e Regale Apertura 2013




Sebirblu, 31 Dicembre 2012

Cari Lettori, siamo arrivati al termine del 2012. Ho iniziato ad operare su questo blog il 17 Gennaio e debbo dire che in questi mesi l'attenzione e l'interesse che mi avete dimostrato sono andati oltre ogni mia aspettativa e ve ne ringrazio con tutto il cuore.

Quest'anno particolare, che ha tenuto in sospeso molti e ne ha deluso tanti altri, ci ha però regalato un Segno inequivocabile della fine di un periodo ben preciso e dell'inizio dell'Era Nuova che da millenni stiamo aspettando.

Per la prima volta a Medjugorje, la Vergine Maria con in braccio Gesù Bambino, come tutti gli anni, apparendo il giorno di Natale alla veggente Marija Pavlovic, non ha parlato ma lo ha fatto Gesù che, sollevandosi, come viene raffigurato in certe icone sulle ginocchia di sua Madre, ha detto con voce regale ed autorevole:


Vladimir Borovikovsky - 1823

"Io sono la vostra Pace, vivete i miei Comandamenti". Marija è rimasta molto sorpresa perché dall'inizio delle apparizioni, nel lontano 1981, non era mai accaduto che parlasse Gesù e quindi è stata colta dall'emozione e ha pianto.

Le stesse parole sono indicate dal Cristo, in Giovanni al Paragrafo 14, prima del suo commiato agli Apostoli il giovedì santo.

QUI l'audio dell'intervista radiofonica fatta alla veggente da Padre Livio di Radio Maria. 

Questo fatto, a mio avviso, segna un punto di svolta grandioso, perché è accaduto il giorno di Natale quasi ad indicare la Nuova Nascita dell'Umanità e proprio alla fine di quest'anno emblematico!

Si tratta forse di un ultimo ammonimento per far cambiare il genere umano prima della Parusìa intermedia?




Certo le Sue parole, identiche a quelle pronunciate allora, quando stava per risalire ai Cieli, fanno molto pensare adesso ad un imminente Suo Ritorno come da Lui stesso promessoci.

Per tale motivo desidero, come coronamento all'attività svolta fino ad ora con l'aiuto costante dello Spirito, dedicarvi una riflessione ed una analisi molto profonda e particolareggiata del solenne e magnifico Prologo di Giovanni Evangelista.

Mi auguro che possiate apprezzarlo, anche perché non è imperniato affatto sulla tradizione chiesastica e rituale della Chiesa, avendo io trovato nella Vera Luce che sta in ognuno di noi, il punto di equilibrio e di libertà che mi ha svincolato per sempre da qualsiasi forma di religione costituita.


L'AURORA DEL TERZO MILLENNIO




PROLOGO ALL'EVANGELIO

Giov. I.

1 In principio era il Verbo,
ed il Verbo era con Dio,
ed il Verbo era Dio.

2 Egli era in principio con Dio.

3 Tutto fu fatto per mezzo di Lui
e senza di Lui niente fu fatto,
di ciò che è stato fatto.

4 In Lui era [la] Vita,
e la Vita era la Luce degli uomini;

5 e la Luce splende tra le tenebre,
e le tenebre non l’hanno compresa.

6 Vi fu un uomo mandato da Dio;
il nome di lui era Giovanni.

7 Questi venne in testimonio
per rendere testimonianza alla Luce,
affinché tutti credessero per lui.

8 Non ch’egli fosse la Luce,
ma per rendere testimonianza alla Luce.

9 La Luce Vera
- quella che illumina ogni uomo -
era per venire nel mondo.

10 Egli era nel mondo
ed il mondo fu fatto per mezzo di Lui,
ma il mondo non Lo conobbe.

11 Venne nella Sua casa,
ed i Suoi non L’accolsero.

12 Ma a tutti quelli che Lo ricevettero
diede il potere di diventare figli di Dio:
a coloro che credono nel Suo Nome,

13 che non dal sangue,
né dal volere di carne,
né dal volere d’uomo,
ma da Dio sono nati.

14 Ed il Verbo si è fatto carne
ed ha abitato fra noi;
e noi abbiamo contemplato la Sua Gloria,
Gloria che un tal Figlio Unico ha da tal Padre,
pieno di Grazia e di Verità.

15 Giovanni a Lui rende testimonianza e grida dicendo: «Era di Lui che dicevo: Colui che viene dopo di me è passato davanti a me, perché esisteva prima di me».

16 Cosicché dalla  pienezza di  Lui  noi tutti abbiamo  ricevuto,  e grazia su grazia, 17 perché la Legge fu data per Mosè, la Grazia e la Verità è venuta per Gesù Cristo.

18 Nessuno ha mai veduto Dio: un Dio figlio unico, essendo nel seno del Padre, Egli stesso ha parlato.

Questa sublime introduzione tramandataci da Giovanni delinea prodigiosamente e sinteticamente l’evento più straordinario nella storia dell’Umanità e con una maestosa enunciazione ne attesta la profondità spirituale ed esoterica.




SIGNIFICATO ESOTERICO

Se consideriamo la Trinità  come 
Potenza (Padre), Amore (Figlio), Sapienza (Spirito Santo)
possiamo constatare la "coerenza ispirata" del versetto 1:

"In principio era il Verbo", cioè la Parola, il Comando, il Potere, la Volontà del Padre di creare (volere è potere).

"ed il Verbo era con Dio", essendo tutt'Uno con Lui, quindi scaturito da Lui e manifestatosi nel Tempo; la Parola per antonomasia cioè il Figlio-Amore, il Cristo, concretizzazione visibile del Pensiero voluto dal Padre e ispirato dallo Spirito.

"ed il Verbo era Dio". La Sapienza, lo Spirito Santo che ha permesso e illuminato la realizzazione di tutto ciò.

Il versetto 2 dice: "Egli era in Principio con Dio".

Abbiamo qui una testimonianza esplicita della Divinità Assoluta dell'Unigenito espressa con una possanza come solo lo Spirito può suggerire e nel contempo una più accessibile comprensione del Dio Uno e Trino.


Greg Olsen

Come dice Pietro Ubaldi:  "Di  tale  tipo  dovrà  essere la nuova Teologia, se si vuole che  in  essa  la  sostanza  della  vecchia  possa  sopravvivere".

Quindi:

1. Concetto Iniziale=Padre=Potenza
2. Concretizzazione dell'Idea=Figlio=Amore
3. Realizzazione finale del Progetto Salvifico=Spirito Santo=Sapienza.

È sempre lo stesso Dio, dunque, che si manifesta in tre prerogative diverse, ma rimanendo sostanzialmente Uno.

Allora, vediamo insieme il profondo significato del "Mistero" della Trinità, tenuto nascosto nei secoli sotto il velo del mito, proseguendo ad analizzare il versetto 3:

"Tutto fu fatto per mezzo di Lui..."
Ci riporta al nostro sommo Poeta: "Amor che move il sole e le altre stelle". (Epilogo della Divina Commedia).

Infatti il Cristo disse: "Senza di Me non potete far nulla" (Gv 15, 5). Ed è naturale che senza l’Amore niente potrebbe esistere.

Ma l'Amore è anche Sapienza e nello stesso tempo è Potenza.

Quando, per esempio, il Cristo bambino rivela la Sua Sapienza tra i dottori nel Tempio e ancora allorché manifesta la Potenza nel compiere i miracoli ma soprattutto mostra continuamente l'Amore fino alla morte, e alla morte di Croce.

E prosegue Giovanni nel versetto 4:

"In Lui era la Vita (Io sono la Via, la Verità, la Vita. Gv 14, 6) e la Vita era la Luce degli uomini";


Greg Olsen

e nel versetto 5: "e la Luce risplende tra le tenebre (Io Sono la Luce del mondo: chi segue Me non camminerà nelle tenebre, ma avrà la Luce della Vita. Gv 8, 12) e le tenebre non l’hanno compresa".

Ancora oggi, dopo 2012 anni (singolare contraddizione dell'Umanità che scandisce il tempo dalla Sua Nascita!), il Cristo è misconosciuto e lo si paragona a tanti altri "inviati", quando addirittura non lo si "fattura" ammogliato e con figli! (Cfr. QUI)

QUESTA È BLASFEMÌA!

(Approfondimento sulla sua fisicità, secondo l'Ultrafanìa, QUI).

Non si vuole comprendere che se il mondo si trova in questo punto critico (che però grazie alla Luce Divina si sta risvegliando) è da imputare alla non Conoscenza e alla sottovalutazione del Movimento Cristico nel disegno trasformativo e salvifico (la possibilità di ritornare alla Casa d'Origine dalla quale siamo partiti) per tutta la massa umana.

Incalza Giovanni  nei versetti 6-7-8, presentando il Precursore, Colui che avrebbe preparato le vie del Signore:

"Vi fu un uomo mandato da Dio...". Era giunto il tempo in cui doveva esserci il passaggio dalla Legge del Taglione a quella più perfetta dell'Amore e del Perdono: la venuta del Messia. (Dal greco Mashiach è l'equivalente del greco Christos che vuol dire "Unto", cioè che ha ricevuto il Sacro Crisma).

Questa "Unzione" avvenne nel momento in cui Giovanni  battezzò Gesù nel fiume Giordano quando lo Spirito Santo come  una colomba  discese su di Lui e si udì una "Voce" tonante dai Cieli scandire solennemente:

"Questo è il mio Figlio Prediletto NEL Quale Mi sono compiaciuto" suggellando, di conseguenza, la Sua Assoluta Divinità.




Giovanni Battista invitava al pentimento e alla purificazione con l'Acqua, in attesa di quella definitiva portata dal Cristo con il Fuoco (dell'Amore).

E nel versetto 9: "La Luce Vera - quella che illumina ogni uomo - era per venire nel mondo". Vale a dire Dio Stesso, Raggio Unico che si sarebbe dovuto "manifestare" non "nascere" (Teofanìa = Manifestazione di Dio)  anche se, all'occhio umano, Gesù presentava tutte le caratteristiche fisiche che erano solo apparenti.

L'Evangelista continua nel versetto 10: "Egli era nel mondo...". Sì, perché la Bontà e la Compassione si erano già palesate nell'Oriente illuminato, 500 anni prima dell'Avvento Cristico, con il Buddha.

E nel versetto 11: "Venne nella Sua casa, e i suoi non l'accolsero". Il Cristo si manifestò in Medio Oriente, cioè al confine tra l'Oriente evoluto e l'Occidente al buio, impregnato di materialismo e di idolatria come era allora il mondo greco - romano, proprio perché lì necessitava la Luce dell'Esempio che non è stata accolta né lo è tuttora.

Prosegue ancora nel versetto 12: "Ma a tutti quelli che lo ricevettero...". Egli ha riscattato tutti noi dalla prigionia della prima adesione a Lucifero (simbolo della Ribellione e della Caduta di una parte delle Monadi, QUI e QUI) e con il Suo Sacrificio ha spalancato la porta dei Cieli,  lasciandoci  liberi  però  di seguirLo  o  di rifiutarLo.

Infatti il versetto 13 chiarisce che "non dal sangue, né dal volere di carne...ma da Dio sono nati" proveniamo dalla Fonte Divina e che, per nostra scelta, siamo venuti a sperimentare la vita in terza dimensione, nella materia condensata.

E nel versetto 14: "Ed il Verbo si è fatto carne...gloria che un Tal Figlio Unico ha da Tal Padre..." viene confermata l'assoluta Divinità del Cristo, sebbene  con parvenza umana.




Il Verbo, la Parola, concretizzazione del Pensiero, doveva necessariamente dare di Sé aspetto fisico alle masse, esemplificare quindi, per essere più credibile.

(Su questo tema, importantissimo leggere QUI.)

L'Evangelista ritorna a parlare del precursore nel versetto 15 precisando:

"Giovanni a Lui rende testimonianza e grida (la Voce che grida per farsi udire nel deserto delle Anime) dicendo: «Era di Lui che dicevo: Colui che viene dopo di me è passato davanti a me, perché esisteva prima di me». In quanto appunto, Dio Stesso.

E riprende il suo Annuncio Cristico nei versetti 16 e 17: "Cosicché, dalla Pienezza di Lui, noi tutti abbiamo ricevuto grazia su grazia, perché la Legge fu data per Mosè, la Grazia e la Verità è venuta per Gesù Cristo.

Egli mette dunque in rilievo:

la prima fase, la Legge Mosaica, legge del taglione,

la seconda, quella Cristica del Porgi l'altra guancia,

la terza, del "Nosce te ipsum - Conosci te stesso",

con la presa di Coscienza della razza umana ad Opera dello Spirito di Sapienza o Spirito Santo. (Che è esattamente in questo tempo, chiamata anche la Nuova Pentecoste; confrontare  QUI).

Infatti Gesù nel vangelo di Giovanni 16,7 afferma: "Pure, vi dico la Verità: «È meglio per voi ch'Io me ne vada. Perché, se non vado, il Difensore (il Paraclito o Spirito Santo) non verrà a voi; ma se vado ve Lo manderò»".

E in 16,13 prosegue: «Ma quando sarà venuto Lui, lo Spirito di Sapienza, vi svelerà la Verità tutta intera... e vi farà conoscere le cose future».

Lo Spirito svela dunque nelle profondità dell'Anima la nostra vera Origine e quella di Gesù, il Cristo, a patto però che noi diamo l'assenso ed il riconoscimento a tale incommensurabile atto d'Amore.

Beati  tutti coloro che presteranno orecchio a queste Sublimi Parole  e le metteranno in pratica, seguendo le orme  di Gesù Maestro, Unico, Impareggiabile e Dolcissimo Salvatore nostro.


domenica 30 dicembre 2012

Breve biografia di Olivier de Rouvroy


Olivier de Rouvroy

Lo slancio verso la multidimensionalità

Dopo un'infanzia felice ma un'adolescenza un po' perturbata alla ricerca di nuovi punti di riferimento, Olivier, giovane studente di giurisprudenza a Parigi, avrebbe voluto ribaltare il mondo...

Accolse dunque con entusiasmo lo slancio rivoluzionario del maggio 1968 e, come un certo numero di coetanei, partecipò attivamente e gioiosamente ai tafferugli del quartiere latino.

Qualche anno più tardi, dopo aver ottenuto una laurea in scienze politiche all'IEP (Istituti di Studi Politici; ndt), decise di intraprendere una carriera commerciale che gli permise di viaggiare in diverse regioni del mondo, principalmente in Oriente.

Nato sotto il segno dello Scorpione con ascendente Acquario, sin dai primi anni giovanili si sentì attratto irresistibilmente dalla spiritualità e in particolare dagli insegnamenti dei Maestri di Saggezza dell'India.

È tuttavia l'insegnamento del grande Maestro bulgaro Omraam Mikhaël Aïvanhov che gli permise, dopo una ventina d'anni, di scoprire poco a poco la sua vera Missione individuale.

 
Omraam Mikhaël Aïvanhov
 
Molto legato interiormente anche ad Astar Sheran e soprattutto ad Hilarion, si persuase ormai che, prima del termine di questo decennio, ci saremmo tutti confrontati con un aspetto di noi stessi che ancora oggi ignoriamo pressocché completamente: la nostra natura multidimensionale.

Egli spiega nei suoi libri l'urgente necessità, per ciascuno di noi, di prepararsi ed elevarsi vibratoriamente, alfine di poter integrare le nuove energie dell'Acquario.
 
Così potremo  sopravvivere agli enormi sconvolgimenti che si preparano, e partecipare all'edificazione della futura Fraternità mondiale sotto l'égida degli Intraterrestri e delle Confederazioni dello Spazio.

Può l'Universo ridursi soltanto a ciò che è identificabile attraverso i cinque sensi più grossolani dell'Essere umano e alla strumentazione tecnologica attuale?

Perché il Cosmo non dovrebbe essere effettivamente popolato di innumerevoli Creature, anche e persino su quei pianeti in cui la scienza non ha riscontrato alcuna traccia di vita?

 
In quale piano d'esistenza si evolverebbero queste Individualità? Possono esse influire sul nostro destino e fino a che punto? Come eserciterebbero la loro influenza? Cosa si attenderebbero da noi?

Queste sono le domande che si sono progressivamente presentate ad Olivier de Rouvroy.
 
Grazie all'aiuto della sua Guida, ha potuto ottenere certe risposte contemporaneamente al periodo in cui riceveva conferma dell'importanza decisiva del 2012, come inizio del Cambiamento epocale per l'avvenire del genere umano.



sabato 29 dicembre 2012

Da Metatron: la Necessità degli Uragani. Parte 2

James Tyberonn, (la biografia). Parte 1
















La Tempesta perfetta

I più importanti strumenti per mettere in atto l'elevazione frequenziale del vostro Pianeta sono i super uragani. Non se ne comprende l'esistenza ed impauriscono molto. E ancora emerge la paura.

Essi sono, in realtà, concepiti per potenziare gli oceani di energie magnifiche. Non sono progettati per dirigersi verso terra. Gli uragani richiedono acqua e si dissolvono sulla superficie terrestre.

Ma tutto avviene come se l'Umanità si focalizzasse sul luogo dove gli esperti hanno previsto che un ciclone si possa abbattere e quale distruzione arriverebbe a provocare nella zona costiera indicata.

Così, con una tale concentrazione di pensiero, è sicuro che esso venga attirato proprio nel punto in cui gli Esseri umani lo aspettano, affascinati e intimoriti.

Il vero scopo di queste maxi-tempeste è di aumentare il livello di energia delle acque permettendone elettricamente l'espansione. Se questi tifoni rimanessero in mare, allora la forza elettrica verrebbe condotta semplicemente sottoforma di dolci correnti in grandi dimensioni sul Pianeta.
























Invece essa è incanalata sulla terra e sui popoli, non dai venti, né dalle onde ma dai flussi energetici pensativi; così raggiunge molto di più le persone. C'è una perfezione in questo, vedete?

C'è quella che viene chiamata tempesta perfetta in un certo senso, ma quella vera è quando si ha un'ideale miscellanea di correnti elettromagnetiche.

Allorché i cicloni si spostano attraverso i territori dell'Umanità, sono benéfici per il ritmo vibratorio dell'Ascensione del mondo e dunque dell'intera condizione degli uomini.

Domanda:

Si sono avuti dei potenti uragani consecutivi in questi ultimi anni, è corretto dire che quando l'energia si accumula in un tale modo organizzato significa che ha una consapevolezza?

Metatron:

Voi rileverete che i super tifoni hanno un aspetto geometrico ed effettivamente mantengono lo schema sequenziale di Fibonacci.


Schema di Fibonacci


























Così, noi diremo che questi rafforzamenti "organizzati" di energia elementale hanno una certa "coscienza", ma chiamarla in tal modo non è appropriato. Esiste una consapevolezza che li unifica.

(Infatti la parola "uragano" deriva da "Huracàn" che nella tradizione caraibica impersonifica il dio dei venti impetuosi. In ogni caso come detto QUI, esistono gli Spiriti di natura che, sotto la guida della loro gerarchìa, si occupano degli elementi; ndt).

Notate la differenza? Un Ente conscio è un'unità che opera per un obiettivo comune. Un branco di pesci ha una mente, un'unità operante in armonia con uno scopo univoco, un gruppo formato da molteplici individui.

Non ha lo stesso significato di Coscienza che è  la voce dello Spirito. (Essa parla in relazione al punto evolutivo raggiunto da ciascuno e dà il suo placet o lo nega in base alla Giustizia Divina; vedere QUI, ndt).

Domanda:

Ci sono stati e ci sono letteralmente milioni di umani oranti per addolcire l'impatto dei tifoni che si sono manifestati negli ultimi tempi e uno è appena passato. Io credo che questo possa avere una valenza. È corretto?

Metatron:

Sì, l'energia del pensiero ha un effetto su tutto. Ma sostanzialmente ciò che deve essere domandato nella preghiera è il massimo bene ed è quello di consentire il passaggio benevolo elettromagnetico.
























Questo è il vero scopo degli uragani stessi: restare in mare e disperdersi diminuendo la propria forza, prima di raggiungere la costa.

Ma le incomprensioni provengono dal fatto che queste tempeste possono essere eliminate. Invece devono verificarsi, sono necessarie all'elevazione della Terra. Ai livelli superiori voi lo sapete tutti, ma nella dualità è molto difficile comprendere questo.

Così la reazione delle masse è di pregare nella PAURA. Come abbiamo detto, ciò che amplifica e attrae i cicloni in determinati luoghi è in parte il grande timore degli uomini che genera una convergenza emotivamente negativa verso di essi.

Una consapevolezza d'insieme, un enorme campo massivo di gruppo accumula UN PAROSSISMO DI PAURA TALE che li attira proprio sulla terraferma.

Come voi dite, ci sono milioni di persone che pregano ma ciò che proiettano principalmente è il panico. «Noi non vogliamo questo, non desideriamo questo, rinviatelo lontano!»

Ribadiamo ancora che l'emozione maggiore dietro queste conseguenze è la paura ed è questa che magnetizza l'evento, attira ciò che temuto. È la Legge di Attrazione, con risalto sulla parola "Legge".

 
L'uragano Katrina


















La focalizzazione dei media

L'arrivo di un uragano diventa un fatto mediatico e le masse, in particolare quelle lungo le regioni costiere, restano incollate ai loro monitor televisivi o alle radio.

I meteoròlogi indicano probabili percorsi direzionali ed emettono previsioni sui luoghi del passaggio che diventeranno magnetici.

In tale modo, l'energia della coscienza di massa, cioè l'interferenza emotiva dell'uomo può divenire così grandiosa da connettersi e influenzare il corso naturale degli eventi.

Tuttavia, le segnalazioni méteo sono vantaggiose e la prudenza imporrebbe, ascoltando il consiglio, di spostarsi nelle aree più alte dell'entroterra ma molti umani trascurano gli appelli all'evacuazione.

Ora, ovviamente, l'utilizzo delle vostre tecnologie di preavviso permette di allertare le genti sull'arrivo delle tempeste, che in sé, è molto utile, molto benefico.

Ma viene talmente amplificato dai vostri media tanto ché, quando qualcuno scompare, ne rielabora l'evento alla ricerca del sensazionalismo per catturare l'attenzione di coloro che guardano. E questo viene fatto in un modo che inasprisce il timore e il dramma. Comprendete voi la differenza?


L'uragano Sandy


















Questo, non per dire che l'emotività umana crei l'evento ma piuttosto che l'allarmismo raccolto, allorché viene accumulato fino ad una certa inerzia quantitativa, può e diventerà magnetico attraendo l'energia del ciclone a differenti gradi.

Se tale forza emozionale massiva non fosse basata sulla paura, ciò potrebbe infatti lasciare l'uragano in alto mare o vicino alle coste ma con energie molto meno potenti.

Dunque, allorché le reazioni di massa si dovessero armonizzare in preghiera per i più alti fini, per il bene e l'innocuità senza panico, né tremore, gli effetti e i loro influssi sarebbero più benéfici sul fenomeno naturale. Ciò potrebbe prevenire l'amplificazione della carica emotiva piuttosto che estenderla, voi vedete.

Domanda:

"Qual'è lo scopo ultimo del tifone?"

Metatron:

"Come abbiamo detto, l'obbiettivo è di elargire delle energie armoniose e di espanderne l'incremento frequenziale, cioè la risonanza sulle aree coperte dalle acque che costituiscono, di fatto, i 2/3 della superficie terrestre.

I tornado ricoprono questo scopo sul Pianeta. I cicloni, i tifoni, le tempeste e le trombe d'aria hanno una rotazione vorticosa e questo schema specifico pulisce e intensifica l'energia non solo sulla superficie dei mari e delle terre ma alimenta in profondità il globo con il suo movimento rotatorio.
























Le velocità e la dimensione delineano dei rapporti specifici e si disperdono in aree di gran lunga più vaste di quelle che attraversano.

Esse si inseriscono nelle energie leylines e assiotonali grandemente proporzionate per consentire di raggiungere il Cambiamento in molte più zone ed Esseri. Anche qui c'è della perfezione vedete?

Così, tutto quanto accade dalla nostra posizione, da una prospettiva superiore, è che ogni cosa rientra in un ordine meraviglioso.

È dunque la tempesta perfetta nella forma in cui è costituita, la mescolanza ideale delle correnti elettromagnetiche.

Le imperfezioni che le si attribuiscono provengono davvero dal punto di vista della dualità: dall'incomprensione e dalla paura.


Fonte: earth-keeper.com

venerdì 28 dicembre 2012

Da Metatron: la Necessità degli Uragani. Parte 1

James Tyberonn, (la biografia)

L'Arcangelo Metatron di Steve Roberts
 
Il Grande Uragano e il Riscaldamento Globale
 
"Vi saluto, miei diletti! Io sono Metatron, Signore della Luce e vi do il benvenuto circondandovi della Mia Luce celeste.

Carissimi, vi diciamo che esiste una vita nella vostra Sacra Terra molto più vasta, vicino e al di sopra di voi, e questa fluisce sul vostro Pianeta a disposizione per entrare in una maggiore consapevolezza.

È una Luce di natura sottile, non vettore di speranza perché non ha logica, è piuttosto un veicolo di benessere e porta l'energia di "Casa" del Reame Angelico.

Vi diremo che sul vostro Mondo, così amato e sacro, speciale per la dualità, tutti coloro che si aprono, permettendo a questa Luce Celeste di entrare nella loro sfera di influenza, nel loro campo di coscienza, si sentiranno immediatamente benedetti nello Spirito e raggianti di una Serenità divina.

Tale Energia è rappacificante e armoniosa e connette i vostri chakra con la vostra Dimora Celeste. È inoltre portatrice di guarigione e di salute interiore.

Gli umani sul Cammino non cercano sempre di includere queste possibilità nella loro comprensione ma tutti dovrebbero, perché esse sono complementari alla Verità ed ogni parte del vostro Essere le desidera.

 
    L'uragano Sandy
La super Tempesta

Un uragano è passato sulla costa Est degli Stati Uniti molto recentemente. Noi comprendiamo il trauma profondo e la tristezza così come la grande sofferenza e la miseria che accompagnano tutti questi incidenti catastrofici, come del resto si è verificato con gli uragani e i terremoti di questi ultimi anni.

Appartenere al genere umano in questo momento di Ascensione sulla Terra è oltremodo difficile per molti, quindi vi domandiamo di offrire le vostre preghiere per coloro che sperimentano dei trapassi strazianti.

Noi, dei Reami Angelici, siamo con voi. Benché ci siano state delle perdite tragiche di vite e devastazioni sul territorio e alle strutture, questi cataclismi non significano affatto una punizione o qualcosa di negativo.

Noi vi dobbiamo dire ciò che accade, ciò che deve trasparire. Si tratta di un riallineamento necessario. È l'Ascensione di Gaia transitante verso una nuova energia.

Carissimi, sentiamo la vostra pena per le vite perdute e vi onoriamo molto perché tenete alta l'energia del Cambiamento attraverso le lotte che sopportate e patite.

Comprendiamo veramente l'afflizione nei domini della dualità. Vi cingiamo del nostro Amore in questi tempi di Transizione. Ma dovete comprendere che tutto quello che vivete accade per vostra scelta.

È l'Umanità che si è assunta con coraggio la decisione sacra di Ascendere. Tutte le Anime che perdono la vita in tali momenti lo fanno per libera opzione (il contratto pattuito prima di reincarnarsi; ndt.).
 
 
Suggerimento... eloquente.





















 Vi diremo però che pur nelle difficoltà, tali avvenimenti congiungono i popoli e apportano realmente il meglio agli umani, permettendo a tutti di soccorrersi l'un l'altro."

Domanda:

"Noi capiamo, dalle informazioni ricevute negli anni passati, che questi eventi sono indispensabili all'Ascensione. Si attenueranno e si arresteranno dopo il 2012?"

Lord Metatron:

"La Terra è più che mai dinamica. Dovete comprendere che il riequilibrio del Pianeta vivente è un processo continuo e naturale. L'assestamento dell'elevazione che ha sempre avuto luogo continuerà secondo la necessità, è un evolversi in costante crescita.

Come il vostro corpo fisico e la vostra aura effettuano gli aggiustamenti indispensabili secondo le esperienze e le forze interne ed esterne, così Gaia li attua con il medesimo ritmo per equilibrare la sua trasformazione. Il Pianeta ascende il 12-12-2012 e rinasce il 21-12-2012.

Ma comprendete allora che il 2013 sarà un nuovo principio di paradigma in espansione. Nei prossimi 26 anni, la Terra si allontanerà dallo schema di allineamento eliocentrico per posizionarsi in un sistema Galattico. Dunque la mutazione per l'innalzamento non si arresterà nel 2012.

Il Cambiamento Planetario

Molti umani pensano che il fenomeno del riscaldamento climatico, intimorendo, debba essere eliminato. Non è proprio il caso.

Lo scioglimento delle calotte polari è molto appropriato, anzi è necessario. Il riscaldamento del clima ricapitola in sé tutta l'evoluzione e ciò continuerà dopo il 2012.

 
 
Il Pianeta riceve le energie dal Sole che provocano il dissolvimento dei ghiacci, come detto prima, liberando le acque cristalline codificate che rilasciano gli antichi schemi.

I nuovi codici ricevuti attualmente attraversano i mari limpidi e influenzano dunque tutti i campi energetici terrestri, così si connettono e attivano ogni cosa che toccano. In questa maniera, l'evoluzione umana e planetaria ed il risveglio della consapevolezza inizia sempre più ad affiorare rapidamente.

Dunque, mentre il lavoro necessario che permette l'evolversi del 2012 termina alla fine dell'anno, l'espansione si effettua ben aldilà. L'Opera, destinata ad "inizializzare" la Nuova Terra e soprattutto l'Umanità nei prossimi 300 anni, comincia nel 2013.

La prossima tappa è la formazione e la formattazione di un inedito firmamento che terminerà nel 2038. Il 2013 è il principio e non la fine. È il Nuovo Inizio; i cambiamenti planetari, i movimenti terrestri (e il riscaldamento del Pianeta) continueranno sicuramente.

Il Riscaldamento Climatico

Le super tempeste, gli uragani e i grandi tornado che hanno avuto luogo in questi ultimi dieci anni sono molto più vasti e potenti di tutti quelli registrati nella storia. La scala (Saffir-Simpson; ndt) e la portata del recente uragano Sandy hanno interessato un diametro di oltre 1000 miglia.

L'aumento della dimensione e della sua potenza è sicuramente connesso alle temperature più calde degli oceani e della Terra. Lo scioglimento dei ghiacci ai poli si somma all'innalzamento del livello dei mari e ciò continuerà.

I ghiacciai e le calotte delle vostre regioni polari sono utili per riflettere la luce solare e ridurre l'assorbimento del calore terrestre. Con il loro declino, la temperatura viene incrementata.
 
 
 
Tuttavia, non è affatto la ragione principale del riscaldamento... benché i vostri scienziati ne abbiano attribuito le cause secondo le loro conoscenze attuali.

L'Umanità è consapevole del mutamento planetario in corso. I cambiamenti dinamici si posizionano in un modo regolare e si sono accelerati dopo questi ultimi vent'anni. Eppure poche persone sono tranquille per questo.

Desideriamo sottolineare un'informazione chiave, così vi diciamo nuovamente che le metastasi non sono solo adeguate ma dei meccanismi indispensabili che consentono alla Terra e alla condizione umana di svincolarsi dalle vecchie energie spostandosi verso il rinnovamento.

Questi uragani e terremoti sono designati a ripulire e ad innalzare le vibrazioni del Pianeta, in modo che altre sue dinamiche ne prendano il posto, sebbene siano molto spesso mal comprese.

Dunque, noi vi chiediamo di riconoscere che l'incremento attuale dei terremoti, degli tsunami, del riscaldamento climatico e degli uragani giganti non deve impaurire né essere eliminato. Non è auspicabile. Questi eventi, di sicuro, sono necessari all'evoluzione.

Quella che voi chiamate "Ascensione planetaria" non può manifestarsi nelle vecchie frequenze. Comprendiamo che liberarvi da tale paura non sia cosa facile perché diventa reazione naturale legata al vostro istinto di sopravvivenza.

La purificazione attraverso gli uragani e i terremoti influenza direttamente e in maniera molto incisiva, con i suoi effetti, tutti i livelli di coscienza viventi sulla Terra.

Questi disastri ripuliscono le energie intrappolate nei nodi potenti del Pianeta (nella sua griglia; leggere "l'Omni Terra", ancora  QUI, ndt.) ricomponendo e riallineando tutto ciò che toccano sulla superficie terrestre. Mediante questo, una Nuova Terra comincia ad emergere.

 





















La paura persiste ancora, è naturale ed è certamente comprensibile. Persino quelli di voi che si trovano in zone chiamate "sicure" e non influenzate direttamente sono inconsciamente al corrente dei cataclismi che hanno sommerso Atlantide, la Lemuria ed oltre.

Quattro volte, Carissimi, l'esistenza della condizione umana è stata rinnovata sul Pianeta. Quindi, comprendiamo perché temete i terremoti, il riscaldamento climatico, le eruzioni vulcaniche, le tempeste e gli innalzamenti magnetici potenziali; ciò ricreerà un "riavvio", uno sconvolgimento planetario che sradicherà la vita attuale così come voi la conoscete.

È sicuro che tutto questo stia per effettuarsi e vi diciamo che ora vi sarà un aumento graduale di tale mutazione; tutto dipende dalla reazione in massa dell'Umanità.

Nel 2012 non ci sarà la distruzione globale, sebbene i vostri media e le produzioni di film annuncino fatti molto drammatici. Prima della Convergenza Armonica del 1987, sarebbe dovuto accadere proprio questo. Ma voi l'avete cambiato.

Kryon, il Maestro del magnetismo ve lo aveva detto vent'anni fa; il cambiamento sorretto dalla Convergenza Armonica è collegato a come l'Umanità risponde alla richiesta del quoziente sulla "Misurazione della Luce" (in pratica, quale attitudine ognuno ha di amare incondizionatamente; ndt), di fatto permettendo lo scenario di messa in opera dell'Ascensione.

Così, noi vi diciamo che i timori di una inclinazione assiale, l'impatto di meteoriti e il catastrofico spostamento dei poli che sono stati drammaticamente proiettati dai media e dai film non sopraggiungeranno.

Tali paure possono essere attutite. L'asse planetario non si inclinerà nel grado devastante temuto, non ci sarà alcun meteorite che si schianterà sulla Terra ed i poli magnetici non si sposteranno nel 2012.

Dunque ribadiamo che tutto dipende dalla misura del quoziente di Luce dell'Umanità ed è questo valore che ha determinato il fatto che NON CI SARÀ un grande cataclisma, una massiva distruzione nell'arena del mondo. È piuttosto una bonifica localizzata, di minore ampiezza e l'Umanità avanzerà sicuramente e gradualmente fino al prossimo livello.

Non fate errori, Carissimi, i mutamenti che permettono la purificazione terrestre ci saranno e continueranno. Se le masse fossero state adeguatamente educate, aperte ad una visuale più alta e ad un atteggiamento verso il bene, queste trasformazioni avrebbero potuto essere molto più facili ed effettuarsi prima, piuttosto che tardivamente.

 


 
La Salvaguardia del Pianeta

Molti desiderano "salvare la Terra" secondo la vostra terminologia. Ma qual è la natura della relazione tra l'uomo e il Pianeta vivente? Essa sarebbe migliore se questo rapporto fosse sincronizzato avendo coscienza di un vero dialogo armonico instauratosi tra Gaia e il genere umano.

Coloro tra voi che hanno dedicato delle vite come Custodi della Terra (gli indigeni, i Druidi, gli Atla-Ra) stanno per assumere il comando di tale comunicazione. Infatti molti fra voi, come canali, sono qui ora specificamente per sostenere l'energia di questi dialoghi che sono in corso.

Adesso, la difficoltà con molti altri che hanno buone intenzioni, è che non sono sintonizzati poiché non hanno raggiunto a sufficienza il quoziente di Luce per accettare il paradigma vero nella realtà della natura. E allora essi, pur desiderando aiutare, non sanno veramente come agire.

Pensano che, per evitare il cambiamento, sia appropriato spostarlo altrove. Meglio là che qui. Vedete? Non tutti quelli che vogliono soccorrere comprendono davvero il bene più grande, lo scopo superiore di quegli eventi che voi definite super uragani, terremoti, vulcani e tsunami.

Così la maggioranza reagisce con la paura a questi accadimenti e vorrebbe essere libera da tali ansie. Ma dissolvere la paura non è la stessa cosa che comprenderla e di conseguenza le masse umane la mutano e la ricreano.

Eliminare o dissolvere gli avvenimenti legati alla Trasformazione non è necessariamente un vantaggio, né per la Terra, né tanto meno per i suoi abitanti. La complicazione con coloro che desiderano intervenire è che pensano di essere più accademici nella comprensione e di conoscere maggiormente.

Già essi omettono l'esistenza di Dio e trascurano l'intera dimensione dello Spirito. Non concepiscono e non vedono la perfezione di ciò che accade, hanno grandi impedimenti dovuti alla chiusura delle loro menti ed alla ristrettezza della loro visuale. Non si accorgono che Tutto rientra nella Perfezione di un Ordine Divino.

Dunque, non aggiungono olio alla ruota che cigola, provano piuttosto a bloccarne l'ingranaggio che diventa ancora più inceppato. E allora far girare le ruote della Transizione risulta assai difficoltoso, vedete? La paura e l'ignoranza sono il flagello delle menti chiuse.

Fine della prima parte.


Fonte: Earth-Keeper.com